Autore:
Giulio Scrinzi

SBK GARA 2: PER UN BATTITO DI CIGLIA Finale al cardiopalma per la seconda manche della classe regina delle derivate dalla serie, con un Jonathan Rea in grado di dare l'ultimo colpo di reni sotto la bandiera a scacchi e di beffare per solo 25 millesimi il compagno di squadra Tom Sykes. L'unico, tra l'altro, a tenere il passo del Campione del Mondo in carica, che con questa porta a sette le vittorie stagionali e il profumo del terzo titolo mondiale si fa per lui sempre più vicino. Sì, perchè Mr Superpole ora è secondo in Campionato a -64 punti, mentre Chaz Davies, terzo al traguardo dopo una rimonta praticamente inutile, ha ben 84 punti da recuperare. Ancora di più, 98 per la precisione, per Marco Melandri, caduto al nono giro mentre era sesto. A ridosso del podio, di nuovo, le due Yamaha ufficiali dell'idolo di casa Michael Van der Mark e di Alex Lowes, seguiti dalla MV Agusta di Leon Camier, dalla BMW di Jordi Torres e dalla RSV4 di un Eugene Laverty che ha potuto assaporare il comando della corsa per soli quattro giri, fino a quando Johnny non è arrivato a prendersi ciò che gli spettava. Chiudono la top ten le due Honda ufficiali di Nicky Hayden e Stefan Bradl.

SUPERSPORT: IL RE È TORNATO È stato costretto a saltare i primi due round della stagione per una doppia frattura al polso destro rimediata in allenamento, poi è tornato nell'appuntamento di Aragon... ma è stato travolto dal nostro Federico Caricasulo ancora prima di poter dire la sua. È arrivato ad Assen con la voglia di fare bene e mettere in riga tutti quanti... e alla fine c'è riuscito, alla grande! Kenan Sofuoglu, infatti, ha messo in bacheca la sua prima vittoria stagionale superando a pieni voti l'esame dell'Università delle Moto, in una gara letteralmente dominata dal primo all'ultimo giro. Dietro di lui ha portato a casa una preziosa medaglia d'argento il francese Lucas Mahias, che gli frutta venti punti importanti e gli permette di consolidare la leadership di campionato sul diretto inseguitore, il sudafricano Sheridan Morais oggi solamente quinto. Gradino più basso del podio per Jules Cluzel, inchinatosi all'evidente superiorità del suo connazionale solo all'ultimo, dopo una lotta a suon di sportellate e sorpassi in cui ha preso parte anche PJ Jacobsen, quarto, e il “Carica”, sesto sotto la bandiera a scacchi. Nella top ten anche il giovane Michael Canducci (settimo), seguito dal britannico Luke Stapleford, dall'altro tricolore Christian Gamarino e dal vincitore dell'Europeo Superstock 600 Rob Hartog.

SSP 300: BIS VINCENTE In una gara ricchissima di sorpassi e colpi di scena, Scott Deroue riesce a bissare il successo ottenuto sul MotorLand Aragon, portando a casa altri 25 punti importanti e mettendo ben 24 lunghezze sul diretto inseguitore in classifica generale Borja Sanchez, poleman di ieri e quarto al traguardo. Assieme all'olandese della Kawasaki è arrivato sul podio anche il connazionale Glenn Van Straalen in sella alla Honda e il nostro Alfonso Coppola con la Yamaha. Interessante la corsa di Ana Carrasco, riuscita a dribblare gran parte dei maschietti a metà gara fino ad acciuffare la prima posizione, poi ceduta e diventata settima sotto la bandiera a scacchi.

STK 1000: LA DURA LEGGE DELLE CORSE La gara della Superstock 1000 è stata segnata da una doppia partenza a causa di un grave incidente al secondo giro innescato da Marvin Fritz alla chicane Geert Timmer e che ha coinvolto anche Roberto Tamburini, Mike Jones e Federico Sandi. A pagarne le conseguenza maggiori è stato proprio il tedesco della Yamaha, rimbalzato e travolto dalle altre moto in pista. E mentre è stato poi trasportato velocemente al vicino ospedale di Groningen, il secondo start di giornata è avvenuto alle 15:50, in una gara che ha visto tornare alla ribalta la Kawasaki con il turco Toprak Razgatlioglu davanti alla Ducati di Michael Ruben Rinaldi e alla Yamaha del poleman Florian Marino.

SBK GARA 2: COSì AL TRAGUARDO 1) Jonathan Rea, Kawasaki; 2) Tom Sykes, Kawasaki; 3) Chaz Davies, Ducati; 4) Michael Van der Mark, Yamaha; 5) Alex Lowes, Yamaha; 6) Leon Camier, MV Agusta; 7) Jordi Torres, BMW; 8) Eugene Laverty, Aprilia; 9) Nicky Hayden, Honda; 10) Stefan Bradl, Honda;

SBK: CLASSIFICA DI CAMPIONATO 1) Jonathan Rea, 195 punti; 2) Tom Sykes, 131 punti; 3) Chaz Davies, 111 punti; 4) Marco Melandri, 97 punti; 5) Alex Lowes, 76 punti; 6) Michael Van der Mark, 62 punti; 7) Xavi Fores, 60 punti; 8) Jordi Torres, 57 punti; 9) Leon Camier, 54 punti; 10) Eugene Laverty, 46 punti.

SUPERSPORT: COSì AL TRAGUARDO 1) Kenan Sofuoglu, Kawasaki; 2) Lucas Mahias, Yamaha; 3) Jules Cluzel, Honda; 4) Patrick Jacobsen, MV Agusta; 5) Sheridan Morais, Yamaha; 6) Federico Caricasulo, Yamaha; 7) Michael Canducci, Kawasaki; 8) Luke Stapleford, Triumph; 9) Christian Gamarino, Honda; 10) Rob Hartog, Kawasaki.

SUPERSPORT: CLASSIFICA DI CAMPIONATO 1) Lucas Mahias, 65 punti; 2) Sheridan Morais, 45 punti; 3) Roberto Rolfo, 41 punti; 4) Patrick Jacobsen, 39 punti; 5) Kyle Ryde, 36 punti; 6) Federico Caricasulo, 35 punti; 7) Jules Cluzel, 29 punti; 8) Niki Tuuli, 27 punti; 9) Kenan Sofuoglu, 25 punti; 10) Michael Canducci, 22 punti.

SSP 300: COSì AL TRAGUARDO 1) Scott Deroue, Kawasaki; 2) Glenn Van Straalen, Honda; 3) Alfonso Coppola, Yamaha; 4) Borja Sanchez, Yamaha; 5) Dorren Loureiro, Kawasaki; 6) Marc Garcia, Yamaha; 7) Ana Carrasco, Kawasaki; 8) Harun Cabuk, Kawasaki; 9) Ruben Doorakkers, Yamaha; 10) Alex Murley, Yamaha.

SSP 300: CLASSIFICA DI CAMPIONATO 1) Scott Deroue, 50 punti; 2) Borja Sanchez, 26 punti; 3) Alfonso Coppola, 21 punti; 4) Glenn Van Straalen, 20 punti; 5) Daniel Valle, 20 punti; 6) Dorren Loureiro, 19 punti; 7) Mika Perez, 16 punti; 8) Ana Carrasco, 15 punti; 9) Giuseppe De Gruttola, 12 punti; 10) Angelo Licciardi, 11 punti.

STK 1000: COSì AL TRAGUARDO 1) Toprak Razgatlioglu, Kawasaki; 2) Michael Ruben Rinaldi, Ducati; 3) Florian Marino, Yamaha; 4) Danny De Boer, BMW; 5) Jeremy Guarnoni, Kawasaki; 6) Illia Mykhalchyk, Kawasaki; 7) Maximilian Scheib, Aprilia; 8) Sebastien Suchet, BMW; 9) Roberto Tamburini, Yamaha; 10) Luca Vitali, Aprilia.

STK 1000: CLASSIFICA DI CAMPIONATO 1) Michael Ruben Rinaldi, 45 punti; 2) Toprak Razgatlioglu, 38 punti; 3) Florian Marino, Yamaha; 4) Roberto Tamburini, 23 punti; 5) Jeremy Guarnoni, 21 punti; 6) Illia Mykhalchyk, 18 punti; 7) Luca Vitali, 15 punti; 8) Danny De Boer, 13 punti; 9) Marco Faccani, 11 punti; 10) Sebastien Suchet, 11 punti.


TAGS: supersport superbike sbk superbike 2017 sbk 2017 sbk assen 2017 stk 1000 ssp 300 stk 1000 assen 2017 supersport assen 2017 ssp 300 assen 2017