Jonathan Rea "L'epoca d'oro della MotoGP è finita con Rossi"
MotoGP 2022

Rea spiega perché in MotoGP l'epoca d'oro è finita con Rossi


Avatar di Simone Valtieri , il 02/07/22

1 mese fa - Rea ha spiegato perché l'epoca d'oro della MotoGP è finita

Il sei volte iridato della Superbike, Jonathan Rea, ha spiegato perché, nonostante i protagonisti della MotoGP siano velocissimi, l'epoca d'oro è finita

CAMPIONISSIMI Jonathan Rea, sei volte campione del mondo Superbike, ha corso solo due gare in carriera in MotoGP, nel 2012. Quell'anno si giocarono il titolo tre piloti del calibro di Jorge Lorenzo, Casey Stoner e Daniel Pedrosa, mentre Valentino Rossi faticava in sella a una Ducati lontana parente di quella che negli ultimi anni è diventata la miglior moto del campionato. Marc Marquez vinceva quell'anno il titolo della Moto2, e si apprestava a salire tra i grandi, per diventare presto uno dei più grandi. Tra quasi tutti i piloti menzionati non è mai corso buon sangue, e si era a cavallo di stagioni che hanno scritto la storia delle due ruote. Oggi non è più così, nonostante i piloti attualmente impegnati nella MotoGP, i vari Fabio Quartararo, Francesco Bagnaia, Aleix Espargaro, ecc... riscrivano a ogni weekend record e barriere velocistiche, facendoci vedere pieghe e manovre degne dei migliori campioni della storia.

La storia della MotoGP, il sorpasso di Rossi a Stoner al cavatappi, Laguna Seca 2008 La storia della MotoGP, il sorpasso di Rossi a Stoner al cavatappi, Laguna Seca 2008

VEDI ANCHE



RIVALITÀ A spiegare per quale motivo l'interesse nella MotoGP stia calando (almeno in Italia, dove le tribune del Mugello sono rimaste drammaticamente spopolate) è proprio Rea, che dal (ingiustamente) bistrattato, ma spettacolare, mondo della Superbike, ha spiegato ai colleghi di Motorsport Total: ''L'epoca d'oro è finita? Sì, anche se non sarei così drammatico, ma Valentino Rossi era un'attrazione enorme, anche senza di lui il giallo è il colore prevalente sugli spalti. Lui è Mister MotoGP, ma io sono un fan di quella vecchia epoca in cui correvano Nicky Hayden, Casey Stoner, Dani Pedrosa, Jorge Lorenzo, Valentino Rossi e Marc Marquez. Non possiamo certo dire che la nuova generazione sia più lenta o abbia prestazioni peggiori, questi ragazzi sono davero veloci, forse anche più veloci. i vari Qurtararo, Rins, Mir, Bagnaia, tutti loro lasceranno la loro eredità. Il problema è che con Rossi, ma anche con Marquez, Schwantz, Lorenzo, Stoner, c'erano problemi di rivalità. Oggi tutti vanno molto d'accordo, questo fa sia che la componente drammatica diminuisca. Non credo che l'addio della Suzuki avrà un impatto sulle corse, il fattore più influente è stato l'addio di Rossi''.


Pubblicato da Simone Valtieri, 02/07/2022
Tags
Vedi anche
Logo MotorBox