Pubblicato il 30/10/20

MERCATO ROVENTE Il parco test driver in MotoGP nel 2021 sarà prestigioso come non mai. A Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa, al momento tester ufficiali Yamaha (in uscita) e KTM (confermato), si andrà ad aggiungere uno tra Cal Crutchlow e Andrea Dovizioso, in un intrigo di mercato legato a doppio filo al destino di Andrea Iannone, in attesa a novembre del responso del TAS sul suo controverso caso di doping. Per ciò che riguarda la griglia di partenza 2021 della MotoGP, infatti, mancano soltanto un paio di caselle da assegnare, una nel team Esponsorama Racing di Ducati (Da capire se Luca Marini approderà in MotoGP al posto di Tito Rabat e al fianco di Enea Bastianini), e una proprio in Aprilia, dove accanto ad Aleix Espargaro il titolare sarebbe lo stesso Iannone.

Jorge Lorenzo (Yamaha)

DIPENDE DAL TAS Se però il TAS confermerà la squalifica del pilota abruzzese, è probabile che la sua sella da pilota ufficiale di Aprilia Racing finirà a uno dei due piloti sopra citati ancora senza squara, ossia Cal Crutchlow o Andrea Dovizioso, per stessa ammissione di Massimo Rivola che ne ha parlato ad Aragon. Al contempo però si stanno agitando le acque del mercato test driver. L'uscita incolore di Jorge Lorenzo a Portimao ha fatto storcere il naso ai vertici di Iwata, che sono propensi a non rinnovare il contratto del maiorchino e si stanno guardando intorno per rafforzare il reparto test. A tal proposito il nome nel mirino della Yamaha sarebbe proprio quello di Andrea Dovizioso, che nel 2012 disputò una stagione molto convincente con il team Tech3, concludendo quarto nel mondiale con sei podi, prima di approdare a quella Ducati che lascerà al termine della prossima stagione.

Andrea Dovizioso (Ducati)

ROSSI PRO DOVI A indirizzare le scelte della casa di Iwata ci prova anche Valentino Rossi, che nelle scorse settimane si è espresso a favore di un ingaggio di Andrea Dovizioso nel ruolo di tester. ''Vorrei sicuramente Andrea, firmerei ora per averlo come collaudatore, però spero per lui che trovi una moto per correre... è ancora giovane!'' disse il Dottore nei weekend di Misano, mentre su Jorge Lorenzo, dopo l'incolore uscita di Portimao, lo stesso giustificò il maiorchino dicendo che non è facile tornare in sella se per molto tempo non si potuti salire su una moto da corsa.Se Dovizioso dovesse dunque accordarsi con la Yamaha per rilevare nel ruolo di tester il cinque volte campione del mondo, questi potrebbe finire in Aprilia, dove farebbe comodo un pilota con la sua esperienza. Il problema di Jorge Lorenzo è però che per 9 mesi non è salito in sella a una moto, e questo ha portato alla controprestazione di Portimao e a tutti i dubbi Yamaha.

MotoGP 2020, Honda - Lucio Cecchinello Racing, Honda RC213V: Cal Crutchlow

TESTER APRILIA La prossima stagione però, ci si augura possa essere più regolare dell'ultima, soprattutto per il programma di sviluppo delle moto, e in Aprilia sono certi che il maiorchino potrà presto tornare in forma e utile: gli basterà girare con continuità. L'alternativa a Lorenzo è rappresentata, anche in questo caso, da Cal Crutchlow. Il pilota britannico defenestrato da Honda, si è offerto pubblicamente più volte alla casa di Noale per un posto da titolare, che - come già detto - potrebbe essere suo in caso di squalifica di Iannone. Così non fosse, restano aperte le porte per entrare a far parte del test team Aprilia, e per sviluppare una RS-GP che potrebbe ben sposarsi con le sue caratteristiche.


TAGS: yamaha aprilia ducati motogp jorge lorenzo andrea dovizioso cal crutchlow MotoGP 2020 Test Driver