Primo contatto

Honda X-ADV 2021: la prova video, su strada e fuoristrada, del SUV a 2 ruote


Avatar di Giorgio Sala , il 10/12/20

11 mesi fa - Honda X-ADV 2021: come va su strada e fuoristrada, prezzo

L'apprezzatissimo dual purpose di Honda si migliora dove necessario, ma l'X-ADV Euro5 non perde la sua anima da tuttofare. il video

Quando è arrivato nel 2017 ha letteralmente stupito il mercato, diventando subito tra i maxi scooter più apprezzati dal pubblico. L’X-ADV adesso è Euro5, come il resto della gamma Honda, e oltre al motore è stato rinnovato anche tutto il resto: dal look alla ciclistica, fino alla tecnologia e alla praticità. Ma nonostante sia cambiato, X-ADV rimane sempre lo stesso. Anzi, si migliora sia come scooter e come moto, da strada e da off road.

HONDA X-ADV 2021: COM’È FATTO 

Honda X-ADV 2021 Honda X-ADV 2021

Nessun’altra moto o scooter in commercio è come lui, ed è proprio questa la ragione del suo incredibile successo. L’X-ADV ha introdotto un’estetica davvero unica che, per il modello Euro5, viene completamente cambiata, ma che non ne stravolge l’essenza. Davanti il gruppo ottico full LED sdoppiato si fa più imponente e aggressivo, di fianco ritroviamo alcuni tratti somatici come le prese d’aria e la parte rialzata davanti alla sella del pilota, dietro invece il faro ritrova la continuità cromatica sulla coda e il terminale che punta verso l’alto. Di serie invece i paramani, così come una piastra per proteggere la parte inferiore del motore: un vero e proprio tocco fuoristradistico.

Per raccontarvi com’è fatto vi rimandiamo all’apposito video in cui raccontiamo tutte le novità tecniche del nuovo Honda X-ADV 2021: basta cliccare qui! 

HONDA X-ADV 2021: POSIZIONE IN SELLA E NOVITÀ

Honda X-ADV 2021 tra le curve Honda X-ADV 2021 tra le curve

Salendo in sella all’X-ADV mi sembra che nulla sia cambiato: il manubrio largo, il piano di seduta ben imbottito e la pedana ampia il giusto. La sella è più stretta al cavallo per agevolare chi guida a toccare meglio con gli stivali per terra. Parzialmente questo accade, ma anche se sono alto 180 cm non riesco ancora a toccare saldamente con la pianta del piede a terra: il problema verrà enfatizzato da chi è più basso di statura. Per toglierlo dal cavalletto centrale è impossibile toccare con entrambi i piedi, serve un bel colpo di reni per riportare i 236kg con le gomme a terra. Per fortuna, fatto tutto questo, l’X-ADV si fa perdonare non appena avvio il motore, innesto la marcia e muovo i primi metri. Quel fastidioso attacco leggermente “spigoloso” del vecchio cambio è un vago ricordo diluito nella fluidità più assoluta della risposta del gas, ma anche e delle cambiate.

VEDI ANCHE



HONDA X-ADV 2021: TECNOLOGIA E CONSUMI

Nei primi metri si comporta come una vera e propria Honda: è molto facile e intuitivo e non trasmette alcun timore. I meno smaliziati dovranno soltanto impratichirsi un po’ con i comandi del cambio sui blocchetti di destra (per Neutral e Drive), ma è questione di pochi minuti. Anche interfacciarsi con la nuova strumentazione è molto facile, così come per selezionare mappatura: il tasto “mode” non lascia spazio a interpretazioni. Il display è ricco di tutte le informazioni utili alla guida, come i consumi medi e i litri di benzina “bevuti” dal bicilindrico durante il nostro viaggio. A proposito di consumi: in un tratto di strada prevalentemente extra urbana, autostradale e di fuoristrada (dove i consumi sono nettamente superiori a quelli in città) il computer di bordo ha registrato i 5,0 l/100 km, ovvero 20 km/l. Con un pieno di 13,2 litri l’autonomia stimata è di 264 km circa. Raggiungere i 27 km/l dichiarati, comunque, è possibile con una guida piuttosto parsimoniosa e ottimizzata in ottica consumi.

HONDA X-ADV 2021: MOTORE E RIDING MODE

Honda X-ADV 2021 Honda X-ADV 2021

A ogni apertura dell’acceleratore il motore prende vita accompagnato, ai bassi, da un borbottio appagante, esprime il meglio a metà tachimetro (3.500-4.000 giri/min) mentre agli alti ci va soltanto se costretto: non è il suo habitat. A seconda del riding mode inserito cambia carattere: proprio come il Forza 750. La Standard è pensata per l’uso quotidiano, in quanto ottimizza i consumi scegliendo sempre la marcia più alta se non girate completamente la manetta. La Sport sceglie sempre un rapporto più basso per sfruttare tutta la potenza, la Rain riduce la potenza e mantiene la marcia più alta anche a gas spalancato. Completamente personalizzabile la Custom (3 livelli di potenza, 3 di freno motore, 4 di traction control, 2 di ABS e 4 di setting del DCT) mentre la Gravel… la analizzeremo più avanti.

HONDA X-ADV 2021: COME VA IN CITTÀ E TRA LE CURVE

In città l’X-ADV è un vero e proprio SUV a due ruote. È grosso, versatile, ti senti padrone della strada piena di buche o dossi da affrontare con disinvoltura. Le sospensioni hanno una risposta decisa, ma assorbono senza indugi le asperità. L’escursione maggiorata (rispetto al Forza) fa la differenza, anche quando affrontiamo una strada tutte curve. Per via del baricentro leggermente più alto rispetto al fratello stradale, l’X-ADV affronta i repentini cambi di direzione con progressione ma senza troppa agilità; parte della colpa va anche degli pneumatici semitassellati Bridgestone e alla mole che esce a galla in queste circostanze. L’impianto frenante anteriore ha dimensioni più contenute del Forza (dischi da 296 mm contro 310), tuttavia il mordente non manca a patto che vi impegnerete a usare le due leve regolabili. La taratura dell’assetto Showa comunque è ben bilanciato, offre un ottimo sostegno anche quando si alza il ritmo. Rimane lo stesso “problema” del Forza 750: in percorrenza curva mi viene naturale da premere il freno posteriore oppure di buttare dentro una marcia più bassa. Per il cambio marcia i tasti non sono il massimo dell’ergonomia quando si guida tra le curve: bisogna davvero prenderci la mano.

HONDA X-ADV 2021: COMFORT

Honda X-ADV 2021 su strada Honda X-ADV 2021 su strada

La posizione di guida è confortevole e naturale mentre l’egregia protezione aerodinamica è garantita dal parabrezza regolabile manualmente in cinque posizioni. Non c’è bisogno degli attrezzi, ma è preferibile farlo da fermi anzichè in movimento visto che il processo richiede due mani. Nella posizione più bassa non ostacola la visuale, mentre in quella più alta sposta il flusso d’aria solo sulla parte alta del casco. Anche a velocità autostradali, con il casco Nolan dotato di visierino parasole, le turbolenze non sono fastidiose, mentre le spalle sono coperte a sufficienza. Non pervenuta la protezione aerodinamica per le gambe: se la volete, sono vivamente consigliati i deflettori optional.

HONDA X-ADV 2021: COME VA IN FUORISTRADA

Pneumatici con i tasselli, paramani, pedane zigrinate e manubrio largo: l’abito fa il monaco se arriva dal Giappone. Da Tokyo, più precisamente. L’Honda X-ADV il fuoristrada è in grado di affrontarlo grazie agli elementi precedentemente elencati che si accostano a sospensioni con escursione maggiorata e una protezione in alluminio del motore. Lo sterrato inizia, abbasso del tutto il cupolino, mi metto in piedi sulle pedane et voila: come per magia questo scooter diventa un fuoristrada! La posizione in sella è particolarmente comoda dato che l’ampio manubrio è alla giusta altezza e stringere la moto con le gambe è possibile. La sua condizione d’uso ideale è la strada bianca o il fuoristrada leggero, se si vuole alzare l’asticella i limiti sono evidenti. Ovviamente il cerchio anteriore da 17” e le gomme semi stradali Bridgestone AX41 non aiutano nello sterrato, alla quale è destinata la mappa Gravel. La risposta del gas è eccellente, ma la logica del funzionamento del DCT non sempre è prevedibile su sterrato, particolarmente in discesa: meglio mettere il cambio in manuale (col tasto sul blocchetto di destra) e mantenere la seconda marcia. L’ABS non è disinseribile, ma sull’X-ADV è un bene per il neofita, mentre il traction control sul livello 1 presente sulla mappa Gravel è invasivo solo quando si “affonda” tra i massi smossi. Si consiglia quindi la disattivazione completa, anche perché l’erogazione è fluida e le scodate sono tutto sommato prevedibili. L’unico difetto in termini d’utilizzo è che le pedane da off-road ostacolano un po’ l’accesso al cavalletto.

HONDA X-ADV 2021: COLORI, ACCESSORI E PREZZO

Honda X-ADV 2021 Honda X-ADV 2021

Il nuovo Honda X-ADV sarà disponibile dai concessionari a partire da gennaio 2021 a un prezzo di 12.490 euro, non mancherà la versione da 35 kW idone per la quida con patente A2. Come sempre il catalogo di optional è ricchissimo: tra bauletti, valigie laterali, faretti supplementari e barre di protezione, si può accessoriare il suv a due ruote a proprio piacere e necessità. Sono quattro le colorazioni: Mud Grey, grigio Silver, nero oppure rosso.


Pubblicato da Giorgio Sala, 10/12/2020
Gallery
Listino Honda X-ADV 750
Allestimento CV / Kw Prezzo
X-ADV 750 59 / 43 12.490 €

Per ulteriori informazioni su listino prezzi, caratteristiche e dotazioni della Honda X-ADV 750 visita la pagina della scheda di listino.

Scheda, prezzi e dotazioni Honda X-ADV 750
Vedi anche
Logo MotorBox