Pubblicato il 20/05/20

IL RICHIAMO Royal Enfield sta richiamando a scopo cautelativo le sue Interceptor, Continental GT e Himalayan in seguito alla scoperta di un (ridotto) numero di casi di corrosione delle pinze freno di alcune moto. È infatti emerso che la guida continuativa su strade trattate con sale, o una combinazione di sali, impiegati per prevenire la formazione di ghiaccio durante l'inverno, unitamente ad un mancato pronto lavaggio del motociclo, potrebbe causare il deterioramento di alcune componenti. 

Royal Enfield Interceptor

OCCHIO AI FRENI L’azione corrosiva potrebbe in particolare causare il deterioramento del pistone della pinza freno e del suo alloggiamento: questo comporterebbe rumori anomali durante la frenata, un aumento della resistenza del freno, e in ultimo influenzerebbe l'azione frenante stessa. Nonostante il numero di casi a oggi registrati sia inferiore a 5 unità in tutto il mondo, Royal Enfield ha ugualmente deciso di intraprendere un’azione di assistenza proattiva. Interceptor 650, Continental GT 650 e Himalayan i modelli dunque interessati dal richiamo. 

Royal Enfield Continental GT

IN OFFICINA L’intervento di servizio precauzionale riguarderà circa 15.200 motocicli venduti nel Regno Unito, in Europa e in Corea, che verranno richiamati presso le officine dei concessionari ufficiali Royal Enfield per ispezione, pulizia e sostituzione dei pezzi dove necessario. L’intero team Royal Enfield è impegnato per implementare il più rapidamente possibile il servizio di assistenza, contattando i clienti tramite il concessionario locale più vicino. 

Royal Enfield Himalayan


TAGS: campagna richiamo Royal Enfield Himalayan moto royal enfield royal enfield interceptor 650 royal enfield continental gt