Pubblicato il 24/06/21

SHERPA D’HIMALAYA? Il CEO di Royal Enfield, Siddhartha Lal ha dato adito a speculazioni in merito ad una “sorellona” per la Classic Enduro già nel 2019, ma a quanto pare le voci sono tornate in auge in questo periodo, proprio dopo aver introdotto l’Euro 5 per il bicilindrico che spinge Continental GT e Interceptor 650. Sommate questo indizio e mettete assieme le due richieste di brevetto per i nomi Sherpa e Hunter (il primo decisamente più azzeccato) e avrete il “delitto perfetto”.

PIÙ PERFORMANCE, PIÙ FAN   La Royal Enfield Himalayan è apprezzata per la sua aria da dura d’altri tempi, per la robustezza e per la capacità di arrivare (piano) praticamente ovunque con il suo monocilindrico. Certo, le prestazioni non sono propriamente il suo forte e con il passaggio al più performante bicilindrico “seiemmezzo” potrebbero certamente crescere gli estimatori. Se dovesse essere confermata l’indiscrezione, si avrebbe un sostanziale aumento di performance, che rimarrebbero comunque alla portata di tutti, possessori di patente A2 compresi. Il nuovo motore Euro 5 da 650 cc è infatti accreditato di 48 CV a 7.250 giri/min e 52 Nm a 5.250 giri/min, contro i 25 CV a 6.500 giri/min e 32 Nm a 4.500 giri/min.

Nuova Royal Enfield Hymalayan BS6

FORSE A EICMA Al momento non ci sono ancora indiscrezioni o le proverbiali “foto spia”, la conferma di presenza alla prossima edizione di EICMA potrebbe essere un ulteriore indizio: quale occasione migliore per presentare una nuova moto se non alla fiera motociclistica più importante del mondo? Non resta che attendere l’autunno e vedere se – anche questa volta- le indiscrezioni si trasformano in realtà.


TAGS: Royal Enfield Himalayan Royal Enfield Himalayan 650 Royal Enfield Himalayan 2022 Royal Enfield Himalayan bicilindrica Royal Enfield Himalayan nuova