Nuova vita per Aprilia Shiver e Dorsoduro: la Zongshen Cyclone RA9
Moto novità

Il ritorno dell'Aprilia Shiver: in Cina c'è la Zongshen Cyclone RA9


Avatar di Michele Perrino , il 01/02/22

3 mesi fa - Aprilia Shiver e Dorsoduro spariscono dall'Italia e spuntano in Cina ma...

Aprilia Shiver e Dorsoduro sono uscite di scena in Italia ma spuntano in Cina col marchio Zongshen: la Cyclone RA9 è il primo esempio

La scorsa estate vi abbiamo raccontato dell'uscita di scena di Aprilia Shiver e Dorsoduro – col possibile ingresso di una Pegaso 660 – a causa del mancato arrivo dell'Euro 5. In Cina però le bicilindriche di Noale potrebbero tornare in vita, anche se sotto forme diverse: il concept della Zongshen Cyclone RA9 ne è un esempio.

IL RITORNO Una sorta di nuova vita per il bicilindrico a V di 90° di Shiver e Dorsoduro che è stato trasferito sul concept della Cyclone RA9 e probabilmente vedrà la luce anche su una gamma di nuovi modelli di fabbricazione cinese entro il prossimo anno. Niente di casuale, ma semplicemente frutto dell'accordo, datato 2004, tra Piaggio e Zongshen (recentemente vi abbiamo raccontato del nuovo motore da 150 cc). E quello tra la Casa di Pontedera e l'Azienda cinese non è altro che uno dei rapporti Europa-Cina che porterà alla realizzazione di nuovi modelli di grossa cilindrata. Qualcosa che suona un po' come se dalla Cina dicessero ''Ehi, siamo pronti anche noi, arriviamo''.

VEDI ANCHE



Il motore dell'Aprilia Shiver 900 sulla Zongshen Cyclone RA9 Il motore dell'Aprilia Shiver 900 sulla Zongshen Cyclone RA9

BENE O MALE? E infatti pian piano spuntano maxi moto cinesi ben fatte, capaci di giocarsela con quelle dei grandi costruttori europei e giapponesi. Un esempio su tutti quello di CFMoto che ad EICMA 2021 ha portato la 800MT, crossover col bicilindrico parallelo da 799 cc derivato KTM. Per i motociclisti europei – almeno sulle prime – ottime notizie perché arriveranno nuove moto a prezzi davvero interessanti, ma per il mercato moto europeo? Giocarsela con la Cina ad armi pari sarebbe un conto, ma con l'enorme disparità in termini di manodopera si parte sconfitti. E subito penso alla delocalizzazione, in una guerra al ribasso che non fa bene a nessuno. 


Pubblicato da Michele Perrino, 01/02/2022
Tags
Vedi anche
Logo MotorBox