Logo MotorBox
ANCMA: a maggio 2020 bici ed e-bike segnano un aumento del 60%
Mercato delle due ruote

Tutti pazzi per biciclette ed e-bike: mercato in crescita del 60%


Avatar di Claudio Todeschini , il 10/06/20

3 anni fa - ANCMA: a maggio 2020 biciclette ed e-bike segnano un aumento del 60%

Cresce a ritmi vertiginosi il mercato delle biciclette tradizionali ed elettriche. Dalla fine del lockdown, più di mezzo milione di due ruote vendute

VOGLIA DI PEDALARE In poche altre occasioni la voglia di ripartenza di un paese è coincisa con una voglia di mettersi, letteralmente, a pedalare. Il mercato di biciclette tradizionali e a pedalata assistita sta conoscendo un boom davvero senza precedenti, complici la voglia di mobilità sostenibile, gli incentivi messi a disposizione dal governo, e la grande disponibilità di modelli per ogni gusto e necessità.

CRESCITA A DUE CIFRE Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) stima che, dalla riapertura dei negozi all’inizio del mese di maggio, le vendite delle due ruote abbiamo fatto segnare un +60% rispetto allo stesso periodo del 2019, con circa 200mila pezzi venduti. In totale, dalla fine del lockdown, il numero di biciclette (sia muscolari che elettriche) vendute supera il mezzo milione di unità. Si tratta di un numero che, secondo ANCMA, “cresce anche al fuori delle restrizioni individuate dalle misure del Governo [per gli incentivi statali, ndr], ossia capoluoghi di Regione e di Provincia anche sotto i 50.000 abitanti, nei Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti e nei comuni delle Città metropolitane”. Il fenomeno, insomma, interessa anche territori meno popolosi, e questa non può che essere letta come una cosa positiva.

VEDI ANCHE



Bonus 500 euro bici e monopattini Bonus 500 euro bici e monopattini

UN’OCCASIONE PER MIGLIORARE Le richieste sono talmente tante che le aziende faticano a star dietro a tutte le richieste, ed è un particolare che ANCMA non manca di sottolineare nel suo comunicato: “le imprese del comparto stanno lavorando a pieno regime per rispondere, non senza qualche affanno, in modo adeguato alla crescente domanda che abbiamo registrato in queste settimane”. Ma è anche il momento giusto per cogliere un’occasione che non si ripeterà più, e “investire su un’infrastrutturazione ciclabile finalmente più capillare, sicura, equilibrata e rispettosa degli interessi di tutti gli utenti della strada”. I primi passi sono stati fatti, ma di strada da fare ce n’è, letteralmente, ancora parecchia.


Pubblicato da Claudio Todeschini, 10/06/2020
Vedi anche