Pubblicato il 13/06/20

VOGLIA DI BICICLETTA Le biciclette elettriche sono quello che, qualche decennio fa, si sarebbe chiamato l’oggetto più “gettonato” dell’estate 2020 che sta per cominciare. Da una parte c’è, letteralmente, la voglia di ripartire di un Paese rimasto fermo per mesi per il lockdown legato all’emergenza Coronavirus; dall’altro, la consapevolezza che la mobilità sostenibile sta diventando sempre più una necessità, e non solo lo sfizio di qualche impallinato con la fissa dell’ambiente; da ultimo, la percezione - supportata o meno dai fatti che sia - di come l’aria delle nostre città, in questi mesi di chiusura totale, si sia fatta decisamente più respirabile, grazie (anche) al minor traffico di auto e mezzi pubblici. La bicicletta elettrica, che permette di muoversi liberamente senza problemi di parcheggio, di bollo e assicurazione, e che con la pedalata assistita consente anche di presentarsi in ufficio in condizioni accettabili, rappresenta per molti una buona alternativa ai mezzi pubblici (su cui viaggiano tante persone, e che quindi possono essere luoghi di possibili contagi). In più, ci sono anche gli incentivi statali messi a disposizione del Governo, che possono abbattere in maniera importante il costo dell’acquisto di un mezzo che costa più di una bicicletta tradizionale. 
Buona lettura, e buone pedalate! 

Speciale e-bike: una foldable nel traffico

E-BIKE, UN MERCATO IN CRESCITA

Mai come oggi il mercato delle e-bike abbonda di proposte e possibilità di ogni sorta, e per tutte le tasche: i modelli in circolazione sono centinaia, se non migliaia, per tutti i gusti e tutte le tasche, dalle pieghevoli vendute a poche centinaia di euro alle stradali che superano agilmente i diecimila. Abbiamo raccolto per voi in questa pagina alcuni tra i modelli più interessanti, cercando di limitare la nostra scelta a quelli che non costringono a spendere più di 1.500 euro. Nel prezzo indicato e consigliato al pubblico non sono compresi eventuali incentivi, che non sono destinati a tutti. 

QUALCHE RINUNCIA Sono e-bike che devono scendere a qualche compromesso per tenere più basso il prezzo d’acquisto, ma con la dovuta attenzione scoprirete che ci sono proposte alquanto interessanti. Le rinunce riguardano principalmente la componentistica, i materiali utilizzati - che influiscono sul peso -, il tipo di batteria, il motore e i sensori che possono aiutare l’elettronica nell’erogazione della potenza. 

La batteria estraibile della Trek Dual Sport+

BATTERIA E AUTONOMIA DELLE E-BIKE

Nelle biciclette elettriche uno degli elementi più importanti è la batteria, che dev’essere sempre garantita per tutti i rischi di rottura e deterioramento. Sui modelli più economici, è uno degli aspetti su cui i produttori tendono ad andare un po’ al risparmio, con il rischio di doverla cambiare - a caro prezzo - dopo pochi mesi. L’autonomia è un altro fattore determinante, e quella dichiarata fa di solito riferimento al livello più basso di assistenza e con un ciclista mediamente leggero. Tanti sono i fattori che possono abbattere l’autonomia: il peso di chi guida, le pendenze affrontate, il livello di assistenza selezionato, la temperatura esterna e il tipo di percorso: in città, con frequenti partenze, il motore lavora molto di più che non lungo una pista ciclabile, a velocità costante.

IL NOME CONTA

Nella scelta delle e-bike di questa rassegna abbiamo tenuto conto anche del nome del produttore che, mai come in questo caso, può fare la differenza. Diversamente dalle bici tradizionali, ci sono componenti e materiali che non possono essere sostituiti o riparati dal ciclista sottocasa (che rimane comunque una risorsa fondamentale): è importante quindi che il produttore abbia disponibilità di pezzi di ricambio, punti di assistenza capillari o comunque facilmente reperibili, e per molto tempo anche dopo l’acquisto.

E-BIKE FOLDABLE / PIEGHEVOLI

Speciale e-bike: le foldable nel bagagliaio dell'auto

Correvano gli anni Sessanta quando esplose la popolarità della Graziella, progettata da Rinaldo Donzelli, che trasformò quello che fino a quel momento era un mezzo di trasporto “povero” in un oggetto usato e apprezzato da tutti. La versione moderna delle biciclette pieghevoli, con una cerniera centrale nel telaio - privo di canna - è ancora più compatta, con ruote da 14”, 16” o 20” (le migliori, per spostarsi con maggior sicurezza) e motore montato nel mozzo di una delle due ruote. Ideale per essere riposta nel bagagliaio dell’auto o portata con sé su treni e metropolitane, e utilizzata per coprire il cosiddetto “ultimo miglio”.

Speciale e-bike: Bottecchia Graziella Genio

BOTTECCHIA GRAZIELLA GENIO

Non potevamo che cominciare proprio da lei, la mitica Graziella, che Bottecchia ha giustamente riproposto in versione al passo coi tempi. Il motore Samsung da 250W è montato sulla ruota posteriore, mentre le sottili e discrete batterie ultracompatte (che garantiscono un’autonomia da 40 a 60 km) sono alloggiate sotto il portapacchi. Le ruote sono da 20”, i freni sono economici V-brake (a pattino), mentre il cambio è uno Shimano TX a 7 rapporti. Peso: 18,2 kg.

Prezzo: 1.399 euro

Speciale e-bike: B'Twin Tilt 500 E

B’TWIN TILT 500 E

Prodotta e venduta dalla catena di articoli sportivi Decathlon, la piccola Tilt 500 E interpreta in chiave low-cost il concetto di e-bike pieghevole, senza rinunciare a tutti gli elementi che rendono questo mezzo uno dei più apprezzati per chi si sposta in città. Il motore brushless da 250W e 26 Nm con sensore di pedalata è montato nel mozzo posteriore, abbinato a un cambio Shimano a 6 rapporti. Le ruote sono da 20 pollici, i freni dei normali V-brake. La batteria, inserita nel telaio, è garantita per 500 cicli di ricarica e ha un’autonomia dichiarata di 35 km in modalità Eco, 25 km in modalità Normale, 20 km in modalità Sport. La batteria può essere smontata e caricata anche separatamente. Peso: 18,6 kg.

Prezzo: 799 euro

Speciale e-bike: Italwin K2 S

ITALWIN K2 S

Evoluzione del precedente modello K2++, la foldable più economica di Italwin (di cui abbiamo provato qualche tempo fa l’ottima Trail Ultra) ha telaio in alluminio, ruote da 20” e larghezza di 1,95”, più che adeguate per il contesto urbano. Il motore è un FIVE brushless da 250W montato nel mozzo posteriore con sensore di pedalata. I freni sono a disco sia davanti che dietro, e la forcella anteriore è ammortizzata (escursione 30 mm). Il cambio è uno Shimano a 7 rapporti. La batteria Samsung da 346 Wh è integrata nel telaio, si ricarica in cinque ore e garantisce un’autonomia di una sessantina di chilometri. Il display a LED consente di regolare l’assistenza su cinque diversi livelli. I fanali anteriore e posteriore sono a LED. Il peso è di 21,5 kg. Unico neo: l’assenza di un piccolo portapacchi posteriore.

Prezzo: 1.319 euro (versione Plus con batteria maggiorata da 378 Wh: 1.369 euro)

Speciale e-bike: Revoe Dirt VTC

REVOE DIRT VTC

Revoe produce una pieghevole con ruote da 14” piuttosto minimale ed economica, ma anche questo modello decisamente più aggressivo, grazie agli pneumatici “fat” da 20” di diametro e 4” di larghezza, che la rendono adatta ad affrontare percorsi meno convenzionali. Il motore da 250W è alloggiato nel mozzo posteriore, e la batteria garantisce una quarantina di km di autonomia. Ottima la presenza di freni a disco (al posto dei più economici V-brake, e migliorati in questo nuovo modello) e del cambio Shimano a sei rapporti, così come del tasto sul manubrio per il cicalino e l’accensione e lo spegnimento delle luci. Il prezzo è giustificato da una qualità costruttiva non eccellente e la mancanza di alcune funzionalità: non c’è il sensore di pedalata, e il tradizionale display LCD è sostituito da un pannello a LED con pulsanti per impostare la velocità massima (6 km/h, 15 km/h, 25 km/h, oltre la quale il motore si spegne). Comodi per la città il portapacchi posteriore e il supporto sul manubrio per il cellulare.

Prezzo: 749 euro

Speciale e-bike: Argento Piuma

ARGENTO PIUMA

Assai elegante con i suoi cerchi colorati e i raggi neri, la Piuma monta un motore XF brushless nel mozzo posteriore, abbinato a un cambio Shimano a 7 rapporti. Freno a disco sia davanti che dietro, con disattivazione automatica del motore nel momento in cui si frena. La batteria Samsung a ioni di litio, estraibile (“ribaltando” in avanti la sella), garantisce un’autonomia fino a 70 km. Rispetto ad altri modelli, la Piuma aiuta il comfort negli spostamenti cittadini, dove non mancano asperità e sconnessioni, grazie alla forcella anteriore e alla sospensione interna al piantone della sella imbottita. Le ruote da 20” sono sufficientemente larghe da affrontare pavè e rotaie del tram in relativa tranquillità. Il display waterproof permette di accendere le luci a LED e regolare i tre livelli di assistenza alla pedalata. Sempre apprezzabili nell’uso di tutti i giorni i parafanghi, il cavalletto posteriore e il portapacchi. Il peso non è propriamente “piuma”, e sfiora i 22 kg. Particolare interessante: nel prezzo d’acquisto è inclusa una polizza assicurativa (con AXA) per una copertura fino a 5.000 euro per danni a cose, animali o persone.

Prezzo: 999 euro

E-BIKE DA CITTÀ

Speciale e-bike: le bici da città

La due ruote nella sua forma più classica e diffusa, disponibile anche in versione a pedalata assistita. Non ha il telaio pieghevole, solitamente è venduta in versione da uomo con il tradizionale tubo orizzontale, o con geometria “step-through”, che facilita la salita in sella e l’appoggio dei piedi quando ci si ferma. Le ruote sono solitamente da 26” o 28”, ed è tipicamente provvista di tutto quello di cui si ha bisogno quando ci si muove in città: portapacchi e/o cestello anteriore, parafanghi, campanello e luci di posizione davanti e dietro. La posizione di guida è rilassata e la sella imbottita, per garantire un buon comfort. 

Speciale e-bike: Bianchi E-Spillo Classic

BIANCHI E-SPILLO CLASSIC

Un classico delle biciclette da città, che l’azienda italiana ha declinato in versione a pedalata assistita, disponibile con telaio in alluminio da uomo (Gent) o da donna (Lady), in due diverse misure, con la tipica colorazione Bianchi. Il motore è un E-Going da 250W e 28 Nm di coppia con sensore di velocità, disposto nel mozzo anteriore e abbinato a un cambio Shimano a 7 rapporti. La batteria da 418 Wh è sottile e integrata nel portapacchi posteriore, una soluzione economica che ha permesso di tenere bassi i costi di produzione; l’autonomia dichiarata è di circa 70 km. Cinque i livelli di assistenza, gestiti dal display sul manubrio. I freni sono a pattino (V-brake), con i cavi fatti passare all’interno del telaio, mentre le ruote sono da 28” con larghezza di 37 mm. Oltre al portapacchi, la E-Spillo offre il cavalletto centrale e i fanali anteriore - dal delizioso design retrò - e posteriore integrato nel portapacchi, entrambi a LED.

Prezzo: 1.399 euro

Speciale e-bike: Atala E-Space Evo

ATALA E-SPACE EVO

Un altro storico nome del ciclismo italiano, che nella sua ricchissima proposta di bici a pedalata assistita vanta anche questa compatta, quasi una citycar delle e-bike urbane, con le sue ruote da 26” e il telaio - in alluminio - disponibile solo nella taglia S. Il motore è un EcoLogic capace di erogare 45 Nm di coppia, con sensore di velocità e abbinato a un cambio Shimano a 7 rapporti. La batteria semi-integrata nel telaio e removibile ha una capacità di 418 Wh, e permette un massimo di 100 km di autonomia con il livello di assistenza più basso (cinque quelli disponibili). La dotazione è di tutto rispetto per una cittadina: freni a disco da 160 mm davanti e dietro, parafanghi, copricatena, luci a LED anteriore e posteriore, cavalletto centrale e due portapacchi. La forcella anteriore ha un’escursione di 40mm, che le permettono di affrontare senza grandi preoccupazioni anche qualche sporadica uscita sugli sterrati.

Prezzo: 1.269 euro

Speciale e-bike: B'Twin Elops 920E

B’TWIN ELOPS 920E 

Disponibile con telaio basso (da donna) oppure alto (da uomo) in due misure, la city bike di Decathlon ha un motore centrale Brose da 250 W e 70 Nm con sensore di potenza (una rarità, in questa fascia di prezzo). Quest’ultimo, abbinato al cambio Shimano Nexus da 7 rapporti nel mozzo, adatta l’erogazione del motore in base alla spinta data sui pedali. La batteria, collocata sotto il portapacchi posteriore, ha una capacità di 418 Wh ed è garantita fino a 500 cicli di ricarica, capace di un’autonomia massima di 70 km. Il semplice ma efficace display LCD sul manubrio permette di regolare i tre livelli di assistenza (più la modalità “walk”), di accendere o spegnere le luci, e di tenere sott’occhio la carica della batteria. La Elops dispone inoltre di forcella ammortizzata, freno a disco anteriore e V-brake al posteriore sulle ruote da 28”. Non mancano parafanghi, cavalletto posteriore e carter per la catena. Il peso è di 25,2 kg. 

Prezzo: 1.499 euro

Speciale e-bike: Askoll eB4U

ASKOLL EB4U

Altro prodotto completamente italiano, la e-bike cittadina di Askoll si fa notare per la batteria (estraibile) montata sul piantone dello sterzo, che cambia un po’ la distribuzione dei pesi rispetto a una bicicletta più tradizionale. Il telaio in alluminio è disponibile in versione Man o Unisex, con il tubo centrale inclinato. Il motore è un Askoll brushless da 250W integrato nel mozzo posteriore, con coppia massima di 40 Nm e quattro livelli di assistenza, cui si aggiungono la modalità “walk” e il supporto alla partenza in salita. La batteria agli ioni di litio ha 300 Wh di capacità e garantisce un’autonomia massima di 80 km. Il cambio è uno Shimano a 6 rapporti, le ruote sono da 28” e i freni sono a disco all’anteriore e V-brake al posteriore. A LED entrambe le luci, comandate dal display sul manubrio, che mostra stato di carica della batteria, velocità, livello di assistenza e distanza percorsa. Il peso della bici è di 23 kg. La versione più economica eB1 (100 euro meno) perde la forcella, il freno a disco anteriore e il cambio Shimano. Tutto considerato, il piccolo extra per la versione eB4U conviene.

Prezzo: 1.390 euro

Speciale e-bike: Bikwik Gante

BIWBIK GANTE

Questa azienda spagnola produce biciclette elettriche dal sapore deliziosamente vintage, e la Gante è uno dei modelli più riusciti, con le sue linee senza tempo. Colpiscono in particolare il manubrio a V, il cestello anteriore in vimini e la colorazione nero/marrone. Il motore da 250W montato sul mozzo posteriore è abbinato a un cambio Shimano a 6 rapporti, e supporta tre diversi livelli di assistenza. Le piccole ruote sono da 26”, ciascuna con freni a pattini (V-brake). La batteria agli ioni di litio garantisce un’autonomia massima di 80 km. Di serie, la Gante monta portapacchi e cavalletto posteriori, il carter per la catena, parafanghi, luci a LED davanti e dietro.

Prezzo: 699 euro

E-MOUNTAIN BIKE / E-BIKE TREKKING

Speciale e-bike: mountain bike elettriche

Restando in questa fascia di prezzo, la scelta per gli amanti del fuoristrada si restringe parecchio, e anche le e-bike che trovate qui sotto sono difficilmente catalogabili come mountain bike vere e proprie. Hanno il telaio da offroad e le buone sospensioni anteriori, ma si trovano maggiormente a loro agio su strade accidentate e sterrati. Non disdegnano qualche leggera escursione fuori pista, magari lungo sentieri battuti e con pendenze limitate, senza aver la pretesa di esagerare.

Speciale e-bike: NCM Moscow

NCM MOSCOW

Prodotta in Germania, questa e-bike con vocazione fuoristradistica monta un motore posteriore, capace di una coppia massima di 55 Nm, e una capace batteria da 624 Wh, per un’autonomia massima dichiarata di 120 km. La dotazione è di tutto rispetto: doppio freno a disco, forcella anteriore Suntour e cambio Shimano a 21 rapporti, gomme da 29 pollici e 2,25” di larghezza. Il peso è di 29 kg (batteria compresa). Il grande display LCD mostra i dati di marcia, il livello di assistenza impostato (sei quelli disponibili, più la modalità walk) e la carica residua della batteria. Mancano le luci, ma non il cavalletto centrale.

Prezzo: 1.199 euro

Speciale e-bike: Rockrider E-ST 100

ROCKRIDER E-ST 100

Il modello da montagna della catena di Decathlon è disponibile con telaio in alluminio in quattro taglie, dalla S alla XL. Il motore da 250W è montato nel mozzo della ruota posteriore, ha il sensore di pedalata ed eroga 42 Nm di potenza massima. La batteria montata sul telaio è tenuta in sicurezza da una serratura con chiave. Buona la dotazione per l’offroad: sospensione anteriore Suntour XCR 30 regolabile e con escursione di 100 mm, freno a disco anteriore e posteriore, cambio Shimano a 8 rapporti. Il display sul manubrio permette di selezionare le tre modalità di assistenza, e di tenere sott’occhio tutte le informazioni di viaggio, dalla velocità alla distanza percorsa, dal livello della batteria all’autonomia residua in km. Con la batteria, la bicicletta pesa 22,5 kg.

Prezzo: 999 euro

Speciale e-bike: Argento Elephant

ARGENTO ELEPHANT

eMTB che si distingue per le ruote da 26” “fat” particolarmente larghe (nate inizialmente per muoversi sulla neve, ma che stanno diventando a loro modo oggetto di moda), la Elephant ha un telaio in alluminio, un motore 8FUN da 250W montato sul mozzo posteriore abbinato a un cambio Shimano Acera a 7 rapporti. La batteria, semi integrata nel telaio ed estraibile, ha una capacità di 375 Wh che permette un’autonomia massima di 70 km. I freni sono a disco meccanici sia davanti che dietro, e la forcella anteriore è ammortizzata così come il piantone della sella, dove si trova anche la luce a LED posteriore. Il display sul manubrio permette di regolare l’assistenza su cinque diversi livelli, di tenere sott’occhio l’autonomia residua e i chilometri percorsi. Il peso, comprensivo di batteria e cavalletto posteriore, è di 26 kg.

Prezzo: 1.399 euro


TAGS: e-bike mtb mountain bike city bike urban bike guida all'acquisto foldable