Pubblicato il 21/09/20

SENZA RIVALI Per la terza volta consecutiva, Toyota si è confermata regina indiscussa della 24 Ore di Le Mans aggiudicandosi l’88° edizione della celebre competizione endurance. E mentre la TS050 Hybrid di Buemi, Nakajima e Harley si apprestava a tagliare il traguardo sul mitico Circuit de la Sarthe, Toyota ha svelato ufficialmente l’erede dell’imbattibile monoposto che ha conquistato le ultime tre tornate della corsa francese. Il suo nome è Toyota GR Super Sport e complice il nuovo regolamento FIA sarà proprio lei una delle protagoniste della Le Mans Hypercar Series (LMH), la nuova classe che a partire dal 2021 andrà a sostituire la categoria Le Mans Prototype (LMP1) all’interno del Campionato del Mondo Endurance (WEC). Al volante del bolide, ricoperto per l'occasione da vistose decalcomanie, l’ex pilota del Team Gazoo Racing Alex Wurz.

ANCHE STRADALE Toyota GR Super Sport è l’evoluzione naturale della TS050 Hybrid, e sebbene Toyota Gazoo Racing non ne abbia ancora svelato le caratteristiche tecniche, è certo che la Casa giapponese sia intenzionata a realizzarne anche una versione stradale. Secondo le dichiarazioni rilasciate dalla dirigenza Toyota, il bolide dovrebbe essere prodotto in numero limitatissimo di esemplari. La GR Super Sport adotterà lo stesso powertrain ibrido da competizione che equipaggia l’attuale TS050, ribattezzato THS-R (Toyota Hybrid System -Racing). Cuore del sistema, un 2.4 litri V6 biturbo abbinato a due motori elettrici in grado di sviluppare una potenza massima di circa 1.000 CV. L'aerodinamica sarà sicuramente un elemento chiave, come intuibile osservando la pinna stabilizzatrice sul cofano motore, l'ampio diffusore e l'ala posteriore. Restano ancora avvolti dal mistero prezzo e data di lancio. Ciò che è certo è che Toyota GR Super Sport non avrà vita facile, dovendosi confrontare con giganti del calibro di Aston Martin Valkyrie e Mercedes-AMG One. La sfida è lanciata.


TAGS: toyota Totota GR Super Sport Toyota Gazoo Racing Le Mans