Pubblicato il 21/10/20

REAZIONE RAPIDA Lo scorso inverno, la Formula E è stata praticamente una delle primissime leghe sportive a reagire alla notizia del contagio di coronavirus in Cina, cancellando l’appuntamento previsto in primavera a Sanya. Successivamente, il 29 febbraio a Marrakech, è stata anche l’ultima categoria a scendere davvero in pista prima del tanto sofferto lockdown. Oggi la serie elettrica si conferma particolarmente reattiva, ribaltando il calendario 2021 già in parte annunciato, preparandosi così alla temuta seconda ondata di Covid che sta tenendo in apprensione l’intero pianeta.

Formula E, la partenza dell'ePrix di Berlino 2020

SI NAVIGA A VISTA Dopo la chiusura a Berlino con ben sei gare su ben tre differenti circuiti tutti ricavati all’interno dell’ex aeroporto di Tempelhof, gli organizzatori della serie elettrica avevano puntato a un calendario con 14 appuntamenti tutti da disputare nel 2021. Rispetto alle altre categorie del motorsport, che scendono solitamente in pista su tracciati permanenti spesso distanti dai centri abitati, la Formula E paga lo scotto di un punto di forza – quello di correre in alcune delle città più importanti del mondo – che con la pandemia diventa un punto debole, almeno sul piano della logistica, dell’organizzazione e delle garanzie di distanziamento sociale. Inevitabile dunque che, con l’aumento dei casi un po’ in tutto il mondo, arrivino anche le prime modifiche alla bozza di calendario presentata quest’estate.

Formula E ePrix Berlino-5 2020: la partenza della gara

QUATTRO EPRIX Un po’ come accaduto durante la prima fase della pandemia, oggi gli organizzatori confermano solo le prime quattro gare. La settima stagione, che per la prima volta si fregia del titolo di campionato del mondo Fia, inizierà come da programma il 16 gennaio a Santiago del Cile, con un ePrix a porte chiuse cui si aggiunge una seconda gara prevista per il giorno successivo. Rinviati a data da destinarsi, invece, gli appuntamenti di Città del Messico e di Sanya, originariamente previsti per il 13 febbraio e il 13 marzo. Resterà invece al suo posto l’ePrix di Ad Diriyah, anche questo in double header, in programma il 26 e 27 febbraio, con i promotori dell’evento che si mostrano fiduciosi di poter disputare l’evento in presenza di pubblico sugli spalti. Non ci sono per il momento indicazioni ulteriori sugli ePrix successivi, con Roma e Parigi che avrebbero dovuto ospitare le rispettive tappe nel weekend del 10 e 24 aprile 2021.  


TAGS: formula e Formula E Calendario Formula E 2021 Calendario 2021