Pubblicato il 20/06/21

PASCAL DOMINA Dopo aver portato a casa la pole position, seconda della carriera in Formula E, per Pascal Wehrlein prosegue la maledizione legata al primo successo elettrico. Il tedesco della Porsche aveva letteralmente dominato dal primo all’ultimo giro dell’ePrix di Puebla-1, prima di vedersi squalificato – insieme al compagno di squadra André Lotterer e alle due Nissan e.Dams di Sebastien Buemi e Oliver Rowland (tutti comunque fuori dai punti) – proprio pochi istanti dopo essere transitato per primo sotto la bandiera a scacchi. Ad approfittare della scelta della Direzione gara, che ha estromesso dall’ordine d’arrivo le monoposto di Zuffenhausen per un’infrazione tecnica legata alla mancata comunicazione delle gomme utilizzate (che ha impedito a Michelin di controllare la pressione degli pneumatici), sono state dunque le due Audi, che erano passate sul traguardo in seconda e terza posizione abbondantemente alle spalle di Wehrlein.

DOPPIETTA AUDI A trionfare, in un’amara riproposizione dell’ePrix di Città del Messico 2019 in cui il dominatore Wehrlein era rimasto senza energie a pochi metri dall’arrivo, è stato ancora Lucas di Grassi. A completare il podio, il cattivissimo René Rast e l’italo-svizzero Edoardo Mortara, che proprio negli ultimi giri sembrava costretto a dire addio ai sogni di podio dopo aver ceduto agli attacchi delle due monoposto della casa degli Anelli. Seguono la Mahindra di Alexander Sims e la Bmw di Jake Dennis, a lungo in zona “champagne” insieme al compagno Maximilian Gunther (scivolato sul finale in dodicesima piazza) prima di essere traditi dalla Safety Car entrata in pista quando entrambi dovevano ancora passare dall’Attack Zone.

CAOS ATTACK MODE Proprio l’attivazione dell’Attack Mode è stata una delle principali incognite della gara, caratterizzata anche dall’asfalto ancora molto scivoloso dopo gli scrosci di pioggia mattutini. Posizionata per la prima volta su un layout differente della pista, che imponeva ai piloti di allungare curva-8 rientrando in piena traiettoria, l’Attack Zone ha creato non poco scompiglio: nella prima metà di gara, a farne le spese è stato l’incolpevole Jean-Eric Vergne, spedito contro il muro da Alexander Sims (video sopra), mentre qualche minuto dopo è stato Sam Bird a finire ko dopo il contatto con la Mahindra di Alex Lynn (video sotto). Un’incidente che ha poi imposto alla Direzione gara l’ingresso della Safety Car beffando proprio i due piloti Bmw, obbligati a passare dall’Attack Zone negli ultimi minuti e con il gruppo ancora compatto, non riuscendo più a recuperare le posizioni perse.

GLI ALTRI Sesta posizione per Antonio Felix Da Costa, seguito da Stoffel Vandoorne, Mitch Evans, Nyck De Vries e Alexander Lynn. Malissimo è andata invece al leader della classifica iridata Robin Frijns, sedicesimo e penultimo, ma anche penalizzato dai commissari per aver tamponato nelle prime battute di gara la Mercedes dell’incolpevole De Vries. A chiudere la giornataccia per l’Envision Virgin Racing anche il ritiro di Nick Cassidy, fuori dai giochi già nel corso del primo passaggio. La Formula E torna in pista già nella giornata di domani per il secondo ePrix di Puebla, che seguirà lo stesso canovaccio e gli stessi orari visti oggi: appuntamento, dunque, alle 19.00 per le qualifiche e alle 23.00 per il nono round del mondiale elettrico 2021.

Clicca qui per i risultati del Puebla ePrix 2021


TAGS: formula e Formula E 2021 Formula E risultati Formula E classifiche EPrix Puebla 2021 PueblaEPrix 2021 Risultati ePrix Puebla 2021 Formula E Messico Puebla