Pubblicato il 10/03/2020 ore 13:20

CAMBIO DI FRONTE La ''guerra'' tecnica non accenna a placarsi in Formula 1. La solida alleanza che ha visto protagonisti Mercedes e Red Bull (e altri cinque team) contro la Power Unit Ferrari prima, e contro l'accordo segreto tra FIA e Maranello per archiviare il caso poi, potrebbe sfaldarsi con l'apertura di un nuovo fronte che vede i due ex alleati, scontrarsi tra loro. Oggetto della contesa un condotto integrato con la sospensione posteriore della Mercedes, che sarebbe stato ritenuto illegale dai tecnici della Red Bull.

DIRETTIVA FIA A riportare l'indescrizione ci ha pensato Tobi Gruener, esperto di tecnica per la testata tedesca Auto Motor und Sport, che scrive: ''La Red Bull avrebbe chiesto alla FIA di indagare sulla legalità dei coperchi dei freni posteriori della Mercedes e di altre vetture, la FIA ha emesso una nuova direttiva in base alla quale i team interessati hanno dovuto convertire i loro condotti in vista della gara di Melbourne.'' Secondo gli ingegneri della Red Bull, le prese d'aria posteriori di alcuni team non sarebbero state conformi al regolamento.

ZONA PROIBITA Oltre alle frecce d'argento un altro team interessato sarebbe la Racing Point, che ha portato quest'anno una vettura peraltro in tutto e del tutto simile alla Mercedes W10 dello scorso anno. I condotti sarebbero stati congegnati per portare un flusso d'aria aggiuntivo al di sopra della zona consentita, utilizzata per raffreddare cerchi e freni, al fine di trarne un vantaggio importante in termini di gestione delle gomme. La direttiva tecnica a cui fa riferimento il nostro collega è la TD 014/20, che vieta i flussi al di sopra della zona proibita, ossia un rettangolo che è compreso tra la pista e i 16 centimetri sopra il centro della ruota.

F1 Test Barcellona 2020: Lewis Hamilton (Mercedes). Foto: Alessio De Marco | Avens-Images.com

FUNZIONE STRUTTURALE Nel disegno della sospensione Mercedes, le prese d'aria posteriori dei freni sono abilmente intrecciate con i bracci trasversali della sospensione posteriore e il portaruota. In questo modo si troverebbero al di sopra della zona descritta poc'anzi. Inoltre nel regolamento tecnico all'articolo 11.5 è stabilito che tutte le parti del supporto della ruota sopra a quest'area svolgono una funzione strutturale, e le prese d'aria non sono consentite in quest'area. Lo stesso direttore tecnico della FIA, Nick Tombazis, si è espresso sulla norma, ammettendo che non è perfetta, invitando comunque a non contraddirne lo spirito.


TAGS: ferrari mercedes formula 1 red bull f1 2020 GP Australia 2020