Autore:
Simone Dellisanti

IL RITORNO DEL CAMPIONE La Mercedes si conferma la più veloce e si aggiudica il miglior tempo delle qualifiche, nel deserto del Sakhir. Questa volta è Lewis Hamilton a prenotare la prima posizione in griglia per la gara di domani, precedendo il compagno di squadra per soli 77 millesimi. Una beffa per Nico Rosberg che ha dominato il circuito del Bahrain per tutta la giornata di ieri. La Ferrari è in seconda fila con la terza posizione di Vettel, con un distacco di quasi mezzo secondo, ma la Rossa è in palla, forte e veloce, si può sorridere pensando alla gara di domani. Quarta l'altra Ferrari guidata da Kimi Raikkonen.

RECORD Dopo la terza sessione di prove libere, con il duo di Maranello davanti a tutti, c'era la speranza di vedere un po' di colore rosso in prima fila anche nelle qualifiche, ma cosi non è stato. Hamilton, in disparte per tutto il weekend, è ritornato concentrato e cattivo proprio nel momento più importante, la Q3. Solo un errore per lui nella Q1 e poi ha frantumato il record della pista con un tempo di 1.29:493. Nico Rosberg ha tentato di portargli via la pole fino all'ultimo, ma ha chiuso il suo giro veloce registrando solo un distacco minimo dal leader.

CAVALLINO RAMPANTE La Ferrari è vicina alle Mercedes e domani darà battaglia. Vettel, dopo un venerdì nero, è riuscito a limare il distacco dalle Frecce d'Argento portandolo, dai due secondi di ieri, a 519 millesimi. Seb ha spremuto tutto il potenziale dalla propria monoposto e domani potrà pensare di arrivare alla vittoria, magari sfruttando la partenza per guadagnare posizioni e imponendo il proprio passo gara.

TOP TEN Da sottolineare la buona qualifica di Ricciardo con la Red Bull, in continua lotta contro le Williams di Bottas e Massa. Però, la sua, è una lotta solitaria visto che il suo compagno di team, Daniil Kvyat, si è reso protagonista di un'altra deludente prestazione, lento soprattutto nel settore centrale del tracciato, non è riuscito ad andare oltre la 15° piazza. posto per Hulkenberg con la Force India, mentre sorprende ancora il Team Haas che riesce ad entrare nella top ten grazie alla nona posizione di Grosjean. Chiude il gruppo dei primi dieci la Toro Rosso di Verstappen. Ottimo l'esordio di Vandoorne, il sostituto di Alonso, che fa meglio di Button e si porta a casa il 12° posto con i complimenti di Fernando Alonso.

QUALIFICHE, URGE REVISIONE Ancora il nuovo format delle qualifiche non convince. Sia nella Q1 che nella Q2 era tutto deciso a sette minuti dalla fine. Un po' più di movimento si è visto nella Q3, la batteria finale, con la lotta tra Ferrari e Mercedes, ma anche qui era già tutto deciso a tre minuti dal termine. Il sistema della "sedia rovente" non riesce a regalare spettacolo e sarà, ancora una volta, discusso domani mattina dai vertici della FIA. Per amore dello spettacolo, la Formula Uno ha bisogno di vedere i propri piloti battagliare fino all'ultimo secondo delle sessioni, senza inutili limiti di tempo. Urge un cambiamento.


TAGS: ferrari mercedes pole position sebastian vettel kimi raikkonen lewis hamilton f1 2016 gp barhain nico rosberg campionato mondiale f1 2016 qualifiche bahrain circuito bahrain

Allegato Dimensione
Qualifiche 1A.png 135 Kb
Qualifiche 1B.png 118 Kb
Qualifiche 1C.png 118 Kb