Pubblicato il 24/08/20

PARTY-MODE ADDIO Se ne parla ormai con una certa insistenza dal weekend del Gran Premio di Spagna e, giorno dopo giorno, crescono le indiscrezioni sulla direttiva tecnica Fia che limiterà l’utilizzo delle mappature in Formula 1. Chiamatelo “bottone magico” o “party-mode” ma, di fatto, ancora per un altro fine settimana, visto che la direttiva sarà applicata a partire dal Gran Premio d’Italia a Monza e non, come trapelato a Barcellona, già dal Gp del Belgio a Spa-Francorchamps. La Fia ha dunque – pare su richiesta di Mercedes e Honda – acconsentito allo slittamento di un weekend dell’eliminazione delle mappature motore, accusate di essere lo strumento preferito dai team per eludere le norme sull’utilizzo della power unit.

F1: meccanici Ferrari a lavoro sulla monoposto

ECCEZIONI Secondo quanto riportato da Motorsport.com, tuttavia, come ogni regola che si rispetti, anche quella che elimina la possibilità di switchare con un pulsante da una mappatura motore all’altra avrà le sue eccezioni. Vero è che, a partire da Monza, tutti i team dovranno scegliere una modalità di potenza di compromesso e usarla per tutte le fasi del weekend, dalle qualifiche alla gara, ma altrettanto vero è che i piloti potranno comunque ancora beneficiare del “bottone magico”. La mappatura più aggressiva, solitamente utilizzata in Q2 e Q3, sarà infatti ancora consentita in gara per periodi di tempo limitati in modo da agevolare lo spettacolo in fasi di sorpasso, un po’ come accade nella IndyCar con il cosiddetto “Push-to-pass” che offre un boost di potenza uguale per tutti e limitato nel tempo e nelle chance di utilizzo

F1 2019: meccanici al lavoro sulla power-unit Ferrari

LIMITAZIONI Non è tuttavia ancora chiaro in che modo i piloti potranno utilizzare il party-mode in fase di sorpasso, se potrà essere usato solo per un tempo limitato o in alcune fasi di gara, ed è per questo che si attendono ulteriori precisazioni da parte della Federazione. Un’altra mappatura “eccezionale” sarà poi quella per il regime di Safety Car: nel caso in cui entri in pista la vettura di sicurezza (o anche durante il giro di formazione o di schieramento in griglia) sarà possibile usare una modalità di potenza più conservativa per risparmiare carburante. L’addio al party-mode non sarà quindi totale e definitivo, con la Fia che continua ad ammettere alcune eccezioni. Oltretutto, la limitazione entrerà pienamente in vigore soltanto quando i team monteranno la terza power unit stagionale: è a quel punto che le mappature uniche dovranno essere scelte dal fornitore e utilizzate senza distinzioni su tutte le monoposto che utilizzano quel motore. A Monza saranno invece i team a scegliere la mappatura unica con possibilità di differenziarsi dalle scelte delle altre scuderie equipaggiate con la stessa power unit.  


TAGS: formula 1 fia f1 power unit f1 Regolamento F1 party mode