Pubblicato il 23/03/21

SLIDING DOORS A volte le carriere di due piloti che si sono solo sfiorate prendono delle direzioni imprevedibili, disegnando scenari che nemmeno i diretti interessati potevano immaginare. Dev'essere andata così anche per Sebastian Vettel e Carlos Sainz, ai tempi di un aneddoto risalente al 2014 e ora rivelato dal neoferrarista. Difficilmente in quell'inverno, nel quale il quattro volte campione del mondo diceva addio alla Red Bull per passare alla Ferrari, i due avrebbero pensato che un giorno il giovane talento del vivaio della scuderia austriaca avrebbe preso il posto del tedesco proprio nel team del Cavallino Rampante.

F1 2021: Sebastian Vettel e Lance Stroll (Aston Martin), alle loro spalle Carlos Sainz e Charles Leclerc (Ferrari)

LETTERA PERSONALIZZATA Sainz ha spiegato di provare grande rispetto per Vettel, raccontando alla pubblicazione spagnola Soy Motor un ricordo di quell'anno: ''Il giorno in cui disse addio alla Red Bull, nel 2014, io ero un pilota del simulatore e lui mi dedicò una lettera. Aveva pensato che tutto il lavoro che stavo facendo al simulatore per lui e per la squadra fosse importante ed ebbe la gentilezza di salutare la Red Bull inviando una lettera a tutti i dipendenti, personalizzata per ognuno. Sapeva che alle quattro del mattino avevo passato ore nel setup, consigliando le impostazioni per la sua gara in Australia e fu così gentile da inviarmi una lettera per ringraziarmi di questo sforzo al simulatore. Da allora ho avuto un affetto speciale per lui e ho un rapporto con lui al di là delle telecamere. Forse non gliel'ho mai detto e un giorno glielo dirò, ma da allora ho un grande rispetto per lui''.


TAGS: ferrari sainz red bull vettel f1