Pubblicato il 13/11/20

SGUARDO AL 2022 Il ritorno di Fernando Alonso non sarà una semplice passerella. Lo spagnolo è più motivato che mai e sta spingendo la Renault a dare il 100% in vista delle prossime stagioni. Il due volte campione del mondo tornerà in pista il prossimo anno, ma la sua attenzione è rivolta soprattutto al 2022, anno in cui esordiranno le monoposto rivoluzionate dal nuovo regolamento tecnico e che rappresenta l'occasione migliore per dare l'assalto al trono monopolizzato dalla Mercedes negli ultimi anni.

ALTRO TEST Alonso ha già effettuato un test privato di due giorni al volante della Renault RS18 di due anni fa, oltre a un filming day con l'attuale monoposto. Essendo difficile che gli venga concessa l'occasione di scendere in pista nel test destinato ai giovani piloti in programma a fine anno a Yas Marina, l'ex pilota di Ferrari e McLaren ha convinto il suo team ad organizzare un'altra sessione privata entro fine 2020. A spiegare la grande motivazione dello spagnolo è stato il direttore esecutivo della Renault, Martin Budkowski, nella conferenza stampa del venerdì del GP Turchia: ''In parte è lui che vuole rimettersi in forma e tornare in ritmo con la guida della macchina, ma è anche un'opportunità per lavorare con lui su cose come il volante, la sua posizione preferita dei pulsanti e fare pratica con le nostre procedure. Sembra semplice, ma più facciamo pratica su queste cose e meno dovremo farne durante i test invernali. Avremo solo tre giorni a disposizione''.

F1, GP Turchia 2020: Marcin Budkowski (Renault)

OSSESSIONE 2022 Come detto, l'obiettivo principale di Alonso è avere a disposizione una monoposto vincente nel 2022. A riguardo Budkowski ha raccontato degli aneddoti molto interessanti: ''Chiede qualsiasi cosa. Eravamo nella galleria del vento e ha chiesto se si poteva testare la vettura 2022. Gli abbiamo detto che non era possibile a causa dei regolamenti. Ci ha chiesto quando si sarebbe potuto cominciare lo sviluppo, gli abbiamo detto il 1° gennaio. Ci ha chiesto se lavorassimo il 1° gennaio, gli ho detto 'normalmente no', ma quest'anno potremmo farlo. Ha risposto 'ok, dovremo lavorare il 1° gennaio, verrò qui, posso aiutarvi'. Questo è il livello motivaizonale di Fernando al momento''.


TAGS: renault alonso f1