Pubblicato il 08/01/2020 ore 14:00

IL PRECEDENTE DEL WRC Lo scorso autunno, il Mondiale Rally fu costretto ad annullare l'appuntamento in Australia a causa degli incendi che stavano già colpendo la nazione. In questi mesi la situazione è diventata drammatica, come testimoniano le immagini che ci stanno giungendo negli ultimi giorni. Il mondo dello sport, però, non sembra intenzionato a farsi ostacolare ancora da questi problemi.

ACE ALLE FIAMME In Australia si sta regolarmente svolgendo questa settimana la ATP Cup di tennis, torneo a squadre che si disputa nelle città di Brisbane, Perth e Sidney. Le partite vengono giocate senza intoppi e degli incendi si è parlato soprattuto per l'iniziativa del giocatore australiano Nick Kyrgios di donare 200 dollari locali alle vittime degli incendi per ogni ace che metterà a segno. A Melbourne sta per iniziare il primo Grande Slam della stagione e anche in questo caso gli organizzatori non temono ripercussioni legate alle nubi di fumi in arrivo dalle zone più disastrate: ''Abbiamo accesso al monitoraggio in tempo reale della qualità dell'aria in tutte le nostre sedi per garantire che siano a disposizione le migliori informazioni possibili per prendere ogni decisione in merito all'eventuale interruzione delle partite'' ha spiegato il direttore Craig Tiley.

F1 2019, la partenza del Gp Australia a Melbourne

F1 AGGIORNATA In Australia sta per partire anche il Tour Down Under di ciclismo e anche in questo caso gli organizzatori hanno confermato che la gara si svolgerà regolarmente. L'ultimo evento internazionale che chiuderà l'estate sportiva australiana è il Gran Premio di F1 che si terrà il prossimo 15 marzo all'Albert Park di Melbourne. Al momento, i vertici della F1 si stanno limitando a rimanere costantemente in contatto con gli organizzatori della gara, in merito al possibile impatto degli incendi sullo svolgimento del GP Australia.


TAGS: australia f1 incendi