Horner fa chiarezza sul mercato piloti della Red Bull
Formula 1

Albon ha un paio di gare per difendere il sedile da Hulkenberg e Perez


Avatar di Luca Manacorda , il 24/10/20

1 anno fa - La Red Bull potrebbe ricorrere a un pilota non del suo vivaio

Chris Horner ha spiegato le strategie della Red Bull per la scelta del compagno di squadra di Max Verstappen

ULTIME OCCASIONI I gran premi di Portimao e Imola avranno un peso specifico elevatissimo per Alex Albon, chiamato ad ottenere dei risultati di prestigio per mantenere il sedile della Red Bull anche nella prossima stagione. Attualmente, l'anglo-thailandese ha ottenuto meno della metà dei punti di Max Verstappen (64 contro 147) e senza un cambio di rotta è destinato a subire la ''retrocessione'' in AlphaTauri, al posto di Daniil Kvyat destinato a uscire dalla F1, almeno nelle vesti di pilota ufficiale di un team.

WEEKEND FORTI Sull'argomento ha fatto chiarezza il team principal Chris Horner, spiegando innanzitutto la situazione di Albon alla vigilia del GP Portogallo: ''Vogliamo che Alex rivendichi quel posto e fondamentalmente giustifichi che non c'è bisogno di cercare delle alternative. Penso che tutti lo vogliano in squadra e sembrava che al Mugello stesse iniziando a far girare le cose. Poi ha avuto un paio di weekend difficili. Quindi ha bisogno di riprendersi qui e in particolare a Imola con un weekend forte, forte dall'inizio alla fine. Questo è il nostro obiettivo. Abbiamo bisogno di due vetture più vicine tra loro per combattere con la Mercedes ed è quello che dobbiamo fare''.

VEDI ANCHE



F1 GP Russia 2020, Sochi: Christian Horner (Red Bull Racing) F1 GP Russia 2020, Sochi: Christian Horner (Red Bull Racing)

CAMBIO DI ROTTA Ovviamente, il sedile Red Bull è molto ambito e fa gola ai nomi principali dell'attuale mercato piloti. Nelle scorse settimane si è parlato molto del possibile ricorso a un pilota solido ed esperto da affiancare a Verstappen e i due nomi caldi sono quelli di Sergio Perez e Nico Hulkenberg. Il messicano fa gola anche per i ricchi sponsor che porterebbe con sè, una bella iniezione per le casse di un team che perderà il title sponsor Aston Martin. Il tedesco, ritenuto più gestibile come seconda guida, era invece già stato contatto prima del GP Eifel, dopo che proprio Albon aveva avuto un test anti Covid inconcludente. Sembra invece escluso un nuovo scambio di sedili tra il thailandese e Pierre Gasly, rilanciatosi dopo il suo ritorno a Faenza e, pare, sondato dalla Renault per un'eventuale sostituzione di Esteban Ocon. In ogni caso, è sicuro che la Red Bull questa volta abbandonerà la sua politica di ingaggio esclusivo di piloti cresciuti nel proprio vivaio.

LA CONFERMA DI HORNER Anche su questo tema è stato Horner a mettere in chiaro le cose: ''Non prenderemo un pilota della AlphaTauri. Penso che loro siano abbastanza soddisfatti dei loro piloti. Come detto, la nostra preferenza è Alex, ma se dovessimo cercare una soluzione diversa, allora dovremo guardare fuori dal pool di piloti della Red Bull, semplicemente perché non ce n'è uno che potremmo inserire. Ci sono alcuni piloti di qualità sul mercato che potrebbero rimanere disoccupati il prossimo anno''.


Pubblicato da Luca Manacorda, 24/10/2020
Vedi anche
Logo MotorBox