Pubblicato il 04/08/20

FORMAT COMPRESSO Come preannunciato, sarà un weekend ridotto quello del GP Emilia-Romagna. La gara, che riporterà la F1 sul circuito di Imola dopo 14 anni, si disputerà su due giorni, sacrificando due sessioni di prove libere. I motori si accenderanno infatti solo nella giornata di sabato, con conseguente cambiamento rispetto al programma consueto. Una particolarità che riguarderà solo il terzo appuntamento italiano della stagione 2020, aggiunto in calendario nelle scorse settimane assieme al Nurburgring, a Portimao e, in precedenza, al Mugello.

ORARI STRAVOLTI I piloti avranno dunque a disposizione una sola sessione di prove libere della durata di 90', il cui inizio è previsto alle 10 del mattino di sabato. Le qualifiche si disputeranno poi alle 14, dunque in anticipo rispetto al consueto orario delle 15 adottato da un paio di stagioni da Liberty Media. Novità anche per la gara, con il semaforo verde previsto alle ore 13:10. Una modifica, questa, resa necessaria dal passaggio all'ora solare che avverrà nel weekend precedente e che, anticipando di 60 minuti il tramonto, lascerà meno ore di luce a disposizione. Una partenza così anticipata permetterà di avere un certo margine anche in caso di bandiere rosse e sospensioni del gran premio.

CALENDARIO DA COMPLETARE Sono attualmente 13 i gran premi inseriti nel calendario della tribolata stagione 2020, fortemente condizionata dalla pandemia di coronavirus. Annullate le trasferte nel continente americano, la F1 si è concentrata sull'Europa e guarda ora ad est per raggiungere l'obiettivo dichiarato di 18 gare. La conclusione avverrà in Medio Oriente, con almeno tre appuntamenti tra Bahrain e Abu Dhabi, mentre sembra svanire la candidatura della Malesia per riportare le monoposto a Sepang, tre anni dopo l'ultima volta.


TAGS: imola f1 GP Emilia Romagna