Il funzionario che non voleva far partire Leclerc verso Austin
F1 2021

Il funzionario che non voleva far partire Leclerc verso Austin


Avatar di Luca Manacorda , il 22/10/21

1 mese fa - Piccola disavventura per Leclerc alla vigilia del GP Stati Uniti

Charles Leclerc ha dovuto cambiare i suoi piani di viaggio verso gli Stati Uniti per colpa di un addetto dell'aeroporto di Nizza

VIGILIA MOVIMENTATA La vigilia del GP Stati Uniti ha riservato diverse sorprese poco piacevoli ai piloti di F1. Se Lewis Hamilton ha avuto un curioso incidente con una serratura pochi istanti prima della conferenza stampa del giovedì, Nikita Mazepin ha incontrato non poche difficoltà a ottenere il visto per entrare negli States. Anche Charles Leclerc ha dovuto fronteggiare un imprevisto nei giorni scorsi che ha modificato il suo viaggio verso il Texas. A raccontarlo è stato lo stesso pilota della Ferrari ad Austin.

PROBLEMI DI DOCUMENTAZIONE In pratica, Leclerc non è potuto salire sul volo che originariamente avrebbe dovuto portarlo negli Stati Uniti: ''Il mio NIE non era stato accettato all'aeroporto, quindi non potevo prendere il mio volo originariamente programmato, abbiamo dovuto cambiare e siamo andati a New York all'ultimo minuto''. Il NIE, acronimo che sta per National Interest Exception, è un documento necessario in questo periodo di emergenza sanitaria legata al Covid-19 per poter entrare negli Stati Uniti. Al momento, solo i cittadini stranieri appartenenti a determinate categorie - tra cui gli sportivi professionisti - possono accedere allo stato nordamericano tramite questo lasciapassare.

VEDI ANCHE



IL COLPEVOLE Il problema è nato da una concomitanza di problemi ai controlli tipico di questo periodo ancora segnato dalle misure di contenimento del coronavirus. Leclerc ha spiegato: ''Si è trattato di un ragazzo dell'aeroporto di Nizza che, per qualche motivo, non sapeva davvero cosa fosse un NIE e così sono rimasto bloccato lì. Solo un minuto prima di chiudere l'accesso al mio volo si è reso conto che il mio documento era OK, ma non avevo il mio modulo di localizzazione dei passeggeri (il PLF che chi di voi è stato all'estero in questi mesi ben conosce, ndr) e quindi sono dovuto rimanere a Nizza''.

NON TUTTI I MALI... L'imprevisto ha scombussolato i piani di Leclerc, ma non per questo ha rovinato la vigilia del GP Stati Uniti al pilota della Ferrari. Il monegasco ha così potuto visitare brevemente New York, una città che non aveva mai visto, prima di raggiungere Milwaukee per assistere al debutto stagionale dei Bucks, campioni in carica della NBA.


Pubblicato da Luca Manacorda, 22/10/2021
Tags
Vedi anche
Logo MotorBox