Pubblicato il 01/01/2020 ore 10:00

RANKING 2019, PARTE 2 Dopo essersi occupata dei piloti, la Redazione sportiva di Motorbox ha dato i propri voti ai team impegnati nel mondiale 2019 di Formula 1. Con la media delle nostre valutazioni abbiamo poi stilato una classifica che rivela dunque il ranking della stagione secondo i giornalisti di MotorBox. Ecco la seconda e ultima di due brevi puntate dedicate ai migliori e ai peggiori team del campionato appena concluso: qui analizziamo le posizioni dalla 5 alla 1.

RACING POINT-MERCEDES #5 Come si fa a dare la sufficienza piena a un team che rispetto al 2018 ha conquistato una quarantina di punti in meno? Semplice: valutando anche la concorrenza. Allora ci fu il processo di trasformazione da Force India (59 punti) a Racing Point (52 punti) ma nella pancia del gruppo la lotta non era così serrata come è stata nell'anno appena terminato, con McLaren e Toro Rosso molto più competitive. Nel 2019 la giovane scuderia di Lawrence Stroll è comunque rimasta a galla mettendo insieme 73 punti, un bottino di tutto rispetto a fronte soprattutto dei maggiori mezzi che le case finite davanti al team di Silverstone hanno a disposizione. Sergio Perez, poi, è stato consistente come sempre, mentre un Lance Stroll un po' sottotono ha comunque portato a casa il miglior risultato stagionale nella rocambolesca gara di Hockenheim, con un quarto posto di tutto lustro. Il vero banco di prova sarà però la prossima stagione, per ora il team continua a lavorare bene e fare miracoli con il budget ridotto a disposizione, ma tutto questo non potrà durare in eterno. Voto 6+ | A galla

Team SportPesa Racing Point F1 Team
Piloti Sergio Perez, Lance Stroll
Punti 73
Vittorie 0
Pole Position 0
Giri Veloci 0
Classifica campionato 7° posto
Pagella 2019 6+
Ranking MotorBox 5

SportPesa Racing Point 2019, Sergio Perez vs Lance Stroll

RED BULL-HONDA #4 Con la Red Bull si entra nel gotha dell'ultimo campionato. L'ennesimo terzo posto con un bottino di punti quasi identico a quello della stagione precedente (417 punti contro i 419 del 2018) farebbe propendere per un voto negativo o appena sufficiente... e invece no, perché c'è una differenza sostanziale: il motore. Il salto nel buio fatto con il passaggio da Renault a Honda ha premiato la casa austriaca che, mai come stavolta, ha impressionato per il suo ormai tradizionale ''come-back'' nella seconda parte dell'anno. I tecnici di Tokyo stavolta l'hanno davvero imbroccata, e questo, unito al lavoro ineccepibile del team su strategie, pit-stop e sviluppo della vettura, fa virare decisamente verso il positivo il bilancio di un anno che poteva tranquillamente essere di transizione e che sembra essersi tramutato invence in antipasto per un 2020 ben più imbandito. Sul fronte piloti poi, al fianco di un Max Verstappen mai così maturo, preciso e consistente (terzo nel mondiale davanti ai due ferraristi), è spuntato l'ottimo Alex Albon, fatto debuttare a metà stagione da Helmut Marko e Christian Horner al posto dello spento Gasly e costantemente in grado di portare a casa auto e risultato. Certo non si può dare alla casa austriaca un voto estremamente alto, visto il solito zoppicante avvio ma, come spiegato, quest'anno c'era l'incognita Honda, nel 2020 non ci sarà e ne potremo vedere delle belle. Voto 7,5 | Toro da rimonta

Team Aston Martin Red Bull Racing
Piloti Max Verstappen, Alex Albon (Pierre Gasly)
Punti 417
Vittorie 3
Pole Position 2
Giri Veloci 5
Classifica campionato 3° posto
Pagella 2019 7,5
Ranking MotorBox 4

Red Bull 2019, Max Verstappen vs Alex Albon

TORO ROSSO-HONDA #3 Riuscire quasi a triplicare il bottino di punti raccolti nel 2018 (85 contro 33) già di per sé giustifica un voto alto per una scuderia che, mai come quest'anno, si è dimostrata viva e di supporto al main team. Intanto è grazie al lavoro svolto con un anno di anticipo proprio dalla casa di Faenza con la Honda se la Red Bull è potuta crescere in modo impetuoso nel corso della stagione, tirandosi appresso poi anche la Toro Rosso. Al netto di una manciata di gare difficili, sono arrivate tante belle prestazioni per l'auto italiana, in grado di cogliere anche due prestigiosi podi in circostanze particolari come quelle di Hockenheim e Interlagos. Il primo l'ha conquistato un Kvyat ritrovato dopo l'esperienza di tester Ferrari, il secondo Gasly, rinato dopo la retrocessione dalla Red Bull e in grado di mostrare - lontano dai riflettori - il suo vero valore. L'unica nota negativa di questa stagione? L'annuncio che il prossimo anno il team si chiamerà Alpha Tauri... e scusate se è poco Voto 8+ | Sulla scia dell'Honda

Team Red Bull Toro Rosso Honda
Piloti Daniil Kvyat, Pierre Gasly (Alex Albon)
Punti 85
Vittorie 0
Pole Position 0
Giri Veloci 0
Classifica campionato 6° posto
Pagella 2019 8+
Ranking MotorBox 3

Toro Rosso 2019, Pierre Gasly vs Daniil Kvyat

MCLAREN-RENAULT #2 Alzi la mano chi si attendeva un 2019 così da parte di una McLaren orfana di Fernando Alonso e affidata alle cure del buon Sainz e del novellino Norris. Siamo in pochi, vero? Il netto cambio di passo del team di Woking è invece finalmente arrivato, e dopo quattro stagioni anonime si è rivista la gloriosa casa britannica bazzicare posti che le sono più consoni. Certo, il quarto posto in classifica è solo la base verso un ritorno alla lotta per il titolo che tutta la Gran Bretagna si aspetta, intanto però non era assolutamente scontato riuscire a mostrare quanto visto nel 2019. Il merito oltre che dei bravissimi piloti, entrambi encomiabili, va al team che è riuscito a trovare un buon bilanciamento tra telaio e power unit. Nettamente la quarta forza del mondiale, il terzo posto di Sainz a Interlagos è solo un piccolo premio al lavoro svolto nel corso della stagione, serve però uno step in più per lottare con Red Bull, Ferrari e Mercedes. Voto 8+ | C'è vita oltre Nando

Team McLaren F1 Team
Piloti Carlos Sainz, Lando Norris
Punti 145
Vittorie 0
Pole Position 0
Giri Veloci 0
Classifica campionato 4° posto
Pagella 2019 8+
Ranking MotorBox 2

McLaren 2019, Lando Norris vs Carlos Sainz

MERCEDES #1 Basta leggere la tabella qua sotto per scrivere la pagella della regina incontrastata della Formula 1 targata ibrido. La casa di Stoccarda ha dominato anche questa stagione, come le cinque precedenti: partendo fortissimo, restando costante anche nei momenti di difficoltà e chiudendo addirittura in crescendo. 15 vittorie su 21 gare sono d'altra parte l'ennesimo macigno sulle speranze altrui, spente ripetutamente grazie all'affidabilità di una Mercedes F1-W10 (solo un ritiro per motivi tecnici, Bottas in Brasile) capace di gestire le gomme in modo inimitabile. Con una macchina così probabilmente metà schieramento sarebbe stato in grado di vincere il Mondiale, ma solo in pochi avrebbero saputo dominarlo come ha fatto Lewis Hamilton, mai veramente impensierito dai rivali nella corsa al titolo. Per chiudere il primo capitolo dell'era ibrida della Formula 1 resta la stagione 2020, poi nel 2021 la rivoluzione tecnica potrebbe rimescolare le carte, ma è un condizionale molto calcato, visto che una corazzata così sembra essere attrezzata per vincere ancora a lungo. Voto 9,5 | 6 Unica!

Team Mercedes AMG Petronas Motorsport
Piloti Lewis Hamilton, Valtteri Bottas
Punti 739
Vittorie 15
Pole Position 10
Giri Veloci 9
Classifica campionato 1° posto
Pagella 2019 9,5
Ranking MotorBox 1

Mercedes 2019, Lewis Hamilton vs Valtteri Bottas

Ranking piloti F1 2019: prima parte, da #20 a #16

Ranking piloti F1 2019: seconda parte, da #15 a #11

Ranking piloti F1 2019: terza parte, da #10 a #6

Ranking piloti F1 2019: quarta parte, da #5 a #1

Ranking team F1 2019: prima parte, da #10 a #6


TAGS: mercedes formula 1 red bull mclaren toro rosso f1 2019 pagelle f1 Racing Point