Autore:
Giulio Scrinzi

SI TORNA IN FRANCIA A due settimane dall'ultimo appuntamento in Canada, il Mondiale di F1 2018 è pronto ad accendere i motori questo weekend, quando scatterà la nuova sfida della stagione 2018. Si tratta del GP di Francia, al ritorno in calendario sullo storico circuito del Paul Ricard di Le Castellet, che ha ospitato la sua ultima gara nel lontano 1990.

IL CIRCUITO Quella del Paul Ricard è una pista ubicata nella località Le Castellet, in Francia, ed è una delle più famose al mondo per via della curva Courbe de Signes, da percorrere in piena accelerazione a oltre 340 km/h dopo il lunghissimo rettilineo del Mistral (circa 1.800 metri, oggi interrotto da una chicane). Solo Ayrton Senna era in grado di percorrere questa curva con l’acceleratore completamente premuto: una prova di coraggio che tentarono anche altri piloti, fino a quando perse la vita il nostro Elio de Angelis durante dei test nel 1986. A seguito di questo dramma, il circuito fu prima accorciato e poi abbandonato definitivamente dopo l’edizione del 1990. Nel 1999, invece, fu acquistato da Bernie Ecclestone, che lo rimodernò facendogli assumere l’attuale layout di 5,861 km. Scelto da sempre dalle scuderie del Circus per effettuare le prove delle proprie monoposto, nel 2018 farà il suo grande ritorno nel calendario di Formula 1 grazie al continuo rinnovamento della propria licenza FIA utile ad ospitare i Gran Premi.

LE MESCOLE DELLA PIRELLI Sul circuito del Paul Ricard la Pirelli ha selezionato delle mescole più dure di quelle che ha portato sul circuito Gilles Villeneuve di Montreal. In Francia le P Zero disponibili saranno le Soft a banda gialla, le Supersoft colorate di rosso e le Ultrasoft con banda di colore viola, che potranno essere sfruttate a dovere grazie al completo rifacimento dell'asfalto francese. La superficie ora è completamente liscia e per questo motivo la casa della P lunga fornirà delle gomme con battistrada ridotto di 0,4 millimetri, una soluzione già proposta a Barcellona e che sarà portata anche a Silverstone. Cosa aspettarsi da questa pista? Grip elevato, scarsa degradazione degli pneumatici e condizioni climatiche tendenti verso il caldo con alte temperature dell'asfalto.

PRONOSTICI DELLA REDAZIONE Cosa succederà, invece, in ottica Campionato? Sebastian Vettel e la Ferrari arrivano in Francia con il sorriso, visto che il tedesco è riuscito a conquistare un'importante vittoria a Montreal che ora lo vede in testa alla classifica generale, anche se di un solo punto sul rivale Lewis Hamilton. La Mercedes, invece, ha patito particolarmente l'appuntamento canadese, per cui si appresta a vivere quello francese da vera protagonista: oltre al Campione del Mondo in carica, infatti, ci sarà anche Valtteri Bottas a tenere alto l'onore del team di Brackley, che allo stesso tempo dovrà vedersela con la Red Bull di un Daniel Ricciardo rivitalizzato dopo la vittoria centrata in quel di Montecarlo. Una cosa è certa: lo spettacolo in pista è assicurato!


TAGS: formula 1 f1 f1 2018 formula 1 2018 f1 2018 gp francia f1 francia 2018 f1 2018 francia