Autore:
Simone Valtieri

CAMBIO DI PILOTI Si attendeva a giorni l'annuncio dei piloti scelti dalla Ferrari per il ruolo di riserva e per il lavoro al simulatore a Maranello nel corso della stagione 2019, dopo che Antonio Giovinazzi è approdato all'ex Sauber, ora Alfa Romeo Racing, e che Daniil Kvyat è tornato all'ovile Toro Rosso. I nomi sono arrivati oggi, e non sono solo due, ma quattro, un mix di gioventù ed esperienza formato da due ex della Formula 1, un esperto pilota di Endurance e una giovane promessa.

POKER VINCENTE Partiamo dai due nomi di prestigio, il baby campione del DTM 2015, il tedesco Pascal Wehrlein, già pilota Sauber nel 2016-17 e oggi impegnato nella Formula E, e il neozelandese Brendon Hartley, che ha concluso la sua esperienza in Toro Rosso al termine della passata stagione. Si vociferava dell'arrivo di entrambi già da diverse settimane. Gli altri due sono Antonio Fuoco, ex Academy Ferrari e fino allo scorso anno in Formula 2, e Davide Rigon, legatissimo a Maranello e specializzato nell'Endurance, che ha peraltro già ricoperto il ruolo di test driver in passato.

QUATTRO TALENTI A dare il benvenuto alla nuova squadra di piloti ci ha pensato Mattia Binotto, team principal della Scuderia: "Il nostro team può ora contare su quattro piloti di indubitabile talento" - ha spiegato - "Tutti posseggono un feeling innato con la pista e con le gare. Queste sono esattamente le qualità richieste per essere un ottimo pilota del simulatore, una parte fondamentale di un team di Formula 1 oggigiorno."


TAGS: ferrari formula 1 pascal wehrlein antonio fuoco brendon hartley f1 2019 Test Driver Ferrari Davide Rigon