Ecco il Jeddah Street Circuit sede del GP Arabia Saudita
La novità

Il più lungo dopo Spa, il più veloce dopo Monza: ecco il circuito di Jeddah [VIDEO]


Avatar di Salvo Sardina , il 18/03/21

8 mesi fa - Presentato il (sorprendente) layout della pista cittadina di Jeddah

Presentato il (decisamente sorprendente) layout della pista cittadina dove il prossimo 5 dicembre si terrà il Gran Premio d'Arabia Saudita. I dettagli

IL NUOVO TRACCIATO È una delle novità più curiose della stagione 2021 di Formula 1. E dopo essere stata oggetto di tante (giustificate) polemiche per l’opportunità che una categoria così socialmente schierata e impegnata – almeno, per adesso, a parole – gareggi in Arabia Saudita, finalmente è possibile discutere anche di aspetti sportivi. In una nota diramata da Liberty Media, stamattina è stato infatti presentato il layout della pista di Jeddah che il prossimo 5 dicembre ospiterà il ventiduesimo e penultimo Gran Premio della stagione. Scopriamola insieme.

IL PIÙ LUNGO DOPO SPA 6.175 metri di lunghezza per il Jeddah Street Circuit, il secondo più lungo del calendario dopo la mitica Spa-Francorchamps. Il tracciato, come spesso accade nato dalla penna dell’archistar Hermann Tilke, si snoderà nell’area della Corniche della capitale saudita, a circa 12km dal centro storico. E proprio dai lavori passati del progettista tedesco sembra attingere a piene mani: lunghissimi rettilinei – addirittura potrebbero potenzialmente essere approvate ben tre zone di Drs – “esse” veloci in successione che ricordano molto da vicino il settore finale di Baku e tornanti lenti. Spicca però una novità: l’assenza, clamorosa se pensiamo che il circuito è cittadino e sorge sulle strade destinate alla viabilità urbana di Jeddah, di curve ad angolo retto, da anni la cifra stilistica (ricordate Sochi, Baku, Singapore e Abu Dhabi) del Tilke-pensiero.

VEDI ANCHE



F1 GP Arabia Saudita 2021, Jeddah: il layout della pista F1 GP Arabia Saudita 2021, Jeddah: il layout della pista

IL PIÙ VELOCE DOPO MONZA Proprio l’assenza di pieghe a 90°, unitamente alla presenza di queste semicurve in successione da affrontare in pieno o semplicemente parzializzando il gas, renderanno il Jeddah Street Circuit il cittadino più veloce in calendario e il secondo più rapido del mondiale. Solo Monza, con i suoi 264 km/h di velocità media batte agevolmente i circa 250 km/h stimati dalle prime simulazioni. Ovviamente bisognerà vedere quanto le stime si riveleranno veritiere anche valutando le condizioni dell’asfalto, ma è chiaro come, con le sue 27 curve (16 a sinistra, 11 a destra), Jeddah si candidi a battere i 246 km/h di media raggiunti in piste molto veloci come Red Bull Ring e Silverstone (stando ai dati Pirelli della stagione 2019, l’ultima con un calendario “normale”).

PARLA ROSS BRAWNÈ sempre emozionante – spiega nella nota diramata da F1, il responsabile sportivo di Liberty Media, Ross Brawn – pubblicare i dettagli di un nuovo circuito e la pista del Gran Premio d’Arabia Saudita non fa eccezione. Abbiamo lavorato a stretto contatto con il team di Tilke e con gli organizzatori dell’evento per assicurarci di avere un tracciato che potesse garantire spettacolari lotte ruota a ruota per i fan e sfide interessanti per i piloti. Il disegno è espressione dello stato dell’arte dei moderni circuiti cittadini, con l’aggiunta di settori molto veloci in cui si creeranno opportunità di sorpasso. E poi c’è lo scenario, che è incredibile. Davvero, non vediamo l’ora di vedere le auto in pista il prossimo dicembre”.


Pubblicato da Salvo Sardina, 18/03/2021
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox