Pubblicato il 06/12/2019 ore 10:00

STROLL INTERESSATO La Aston Martin è già presente in Formula 1 come main sponsor del team Red Bull, ma le ultime indiscrezioni parlano di un approdo dello storico marchio britannico nel Mondiale di Formula 1 grazie a Lawrence Stroll, attuale socio di maggioranza del team SportPesa Racing Point. Questo perché il papà di Lance, pilota proprio nel team di Silverstone, sembra essere interessato all'acquisto del glorioso marchio britannico.

CROLLO IN BORSA A riportarlo un'inchiesta congiunta tra le testate Autocar e RaceFans, che hanno scritto dell'interessamento di Lawrence Stroll nell'Aston Martin, casa che non se la sta passando bene finanziariamente. 80 i milioni di Sterline persi nei primi sei mesi del 2019 dall'azienda britannica, per un crollo in borsa di oltre il 70% dal momento del lancio, quando le azioni valevano 19 sterline, fino alle attuali 5 sterline. Stroll potrebbe acquistare la quota di maggioranza del marchio rinominando il team attualmente noto come SportPesa Racing Point. 

RED BULL PERMETTENDO L'unico impedimento, sulla carta, sembra essere il fatto che la casa britannica sia già coinvolta nella massima serie con la Red Bull, essendone main sponsor e avendo lavorato congiuntamente per progettare la Hypercar Valkyrie che dovrebbe debuttare nel WEC il prossimo anno. L'eventuale scuderia Aston Martin - dovesse prendere veramente il posto della Racing Point - avrebbe già un pilota assicurato fino al 2022, Sergio Perez che ha recentemente rinnovato per tre anni, e una motorizzazione Mercedes garantita anch'essa da un saldo accordo. Il cambio di regolamento del 2021 potrebbe rappresentare il trampolino ideale per il ritorno dell'iconica casa nel Mondiale di Formula 1.


TAGS: aston martin formula 1 f1 2020 Racing Point SportPesa Lawrence Stroll