Pubblicato il 02/09/20

INFERNO VERDE Qualche tempo fa vi avevamo parlato della diatriba che ormai da diverso tempo vede Porsche e Tesla contendersi a suon di record il miglior tempo al Nürburgring-Nordschleife. Una storia quasi da telenovela che vede protagoniste la berlina Model S e la coupé Taycan Turbo. Con simili esempi sotto gli occhi, anche a un normale appassionato potrebbe venire voglia di andare a girare in pista con la sua auto elettrica. Ma quali sono gli accorgimenti per guidare un BEV durante un track day sfruttandone al meglio le caratteristiche, senza rischiare di sottoporlo a un usura eccessiva? A porsi queste domande, tra gli altri, è Sebastian Vittel: non lo pseudonimo di un campione di Super Mario Kart né un lontano parente del ferrarista 4 volte Campione del mondo, ma un pilota professionista francese incaricato da Tesla France di testare le potenzialità di Model 3 fra i tornanti dell'Inferno Verde.

PORTATELA IN PISTA! I suggerimenti di Vittel si rivelano preziosi per tutti coloro che possiedono una Model 3 e che sono intenzionati a portarla al limite in una sessione amatoriale. Lanciate la vostra BEV in pista, la berlina californiana non vi deluderà! Questa l'esortazione del pilota francese. Per un’esperienza ancor più adrenalinica Sebastian suggerisce di optare per la versione Performance, ovvero il modello in grado di scattare da 0-100 km/h in 3,4 secondi e di raggiungere una velocità di punta di 265 km/h. L’aggiunta del Track Package, che offre setup ottimizzato e treno di gomme Michelin Pilot Sport Cup 2, è altrettanto consigliato.

Tesla Model 3 durante una prova su pista

I TRUCCHI DEL MESTIERE Passando agli aspetti tecnici Vittel consiglia di controllare il serraggio dei dadi delle ruote con molta attenzione, utilizzando un’apposita chiave dinamometrica regolata su un valore di 170 Nm. Altrettanto importante la pressione degli pneumatici, da regolare a 2,9 bar all’anteriore e a 2,8 bar al posteriore. Per quanto riguarda invece la guida è necessario impostare la frenata rigenerativa al massimo livello (100), per sfruttare al meglio ogni singola decelerazione e ridurre lo sforzo a carico dei freni veri e propri. Se volete copiare i settaggi suggeriti da Vittel, che Tesla France ha registrato sotto il nome di Porsche Killer, la trazione integrale è regolata per distribuire la potenza secondo il rapporto 30:70 fra avantreno e retrotreno (ma anche 35:65 è un buon compromesso, dice Vittel). Il controllo di trazione va quindi spento (setting -10) e anche ai neofiti è consigliato ridurne al minimo l'intervento, regolandolo su -8. Ultimo accorgimento, per non stressare eccessivamente il pacco batteria, è spegnere il climatizzatore. Sempre che fare un po' di sauna non vi dia fastidio...


TAGS: auto elettriche tesla tesla model 3 track day Tesla Model 3 Nurburgring