Autore:
Lorenzo Centenari

AUTO TRENDS Suv, Suv, fortissimamente Suv. In principio, furono i marchi premium deutsche, a lanciare la moda degli sport utility in senso moderno. Alle tedesche si accodarono in seguito i costruttori generalisti asiatici ed europei, che aprirono anche a un mercato di fascia più popolare. Mentre l'ultima tendenza sono i Suv extra-lusso, vedi Bentley Bentayga, Rolls-Royce Cullinan, prossimamente (ebbene sì...) anche Ferrari .

DURI A MORIRE Tutti quanti a seguire la moda del momento. Tutti, o forse no. Sacche di resistenza ancora non cedono, alcuni brand specializzati in modelli sportivi in senso puro non si piegheranno mai al fenomeno Suv. Non negli anni a venire: possibile che in là nel tempo i fatti smentiscano le previsioni, tuttavia allo stato odierno si contano 7 Case auto che non solo non hanno in gamma uno sport utility vehicle, ma nemmeno ne hanno uno a calendario.

METAMORFOSI Già, perché tra i Costruttori che ancora non propongono una vettura a guida alta e caratteristiche da semi-fuoristrada, alcuni sono in procinto di abbandonare la compagnia. È il caso, ad esempio, di Aston Martin: il marchio inglese mostrò nel 2015 una concept, l'Aston DBX, destinata a trasformarsi entro il 2020 in un'auto di serie. Idem Lotus, di proprietà dei cinesi di Geely e intenzionata a produrre non uno, ma addirittura una line-up di tre Suv/crossover. Che Colin Chapman si rivolti nella tomba?

I MAGNIFICI 7 Con Lamborghini Urus che già sfreccia su strada, Tesla che da un pezzo ha a listino Model X, Maserati che ha debuttato nel settore con Levante, infine con Ferrari che si aggiungerà presto all'elenco, ecco gli irriducibili che (incredibilmente) di Suv non ne vogliono proprio sapere.

CHRYSLER Il brand del Gruppo FCA non ha in programma veri e propri Suv. D'altra parte, quando tra le consociate hai prodotti come Alfa Romeo Stelvio e Maserati Levante, chi te lo fa fare di studiare un altro prodotto ancora?

MCLAREN Niente paura, a Woking non si ha notizia del progetto di alcun Suv. McLaren costruisce auto sportive, e così sarà nei secoli dei secoli. Di altro, lassù non se ne sente l'esigenza.

KOENIGSEGG Il marchio svedese celebre per i propri missili terra-terra non si abbandonerà alla moda del momento. Sia per una questione di risorse tecniche, sia per ragioni di immagine.

PAGANI Nonostante la prossimità con Modena e Sant'Agata, feudi di brand sportivi parzialmente convertitisi alla produzione di Suv, a San Cesario sul Panaro fanno orecchie da mercante. E proseguono a testa bassa a disegnare hypercar da urlo.

RIMAC Talmente forti nella propria nicchia, quella delle auto sportive a propulsione elettrica, che i croati di Rimac non approveranno mai la produzione di qualcosa che non sia una supercar a baricentro basso.

SMART Per definizione, il sub-brand del Gruppo Daimler costruisce piccole auto da città. A Smart non andò bene nemmeno quando propose una sportiva (la Roadster), perché cimentarsi in un segmento che non le appartiene?

BUGATTI Il suo valore aggiunto risiede nella combinazione di prestazioni mostre e lusso sfrenato. Niente Suv. A meno che, vista la corsia preferenziale alle economie di scala di Gruppo Volkswagen... 


TAGS: suv crossover tendenze Sport Utility Vehicle Case auto