Autore:
Lorenzo Centenari

DALLA TEORIA ALLA PRATICA Rigenerare le batterie di Nissan Leaf? Si fa in un batter d'occhio, da 40 a 60 minuti per raggiungere l'80% della carica. Peccato che, tra il dire e il fare, ci sia di mezzo la corrente, e non quella del mare. Nuova Leaf si ricarica velocemente, è vero. Ma le operazioni di rifornimento sono altresì influenzate da molteplici fattori, tali per cui una sessione rischia di durare assai più di quanto affermino gli spot, anche con caricatore fast. E in Gran Bretagna, alcuni proprietari l'hanno presa sul personale.

OPERAZIONE TRASPARENZA Come riporta la rivista Auto Express: ricevuti gli esposti di tre consumatori assai pignoli, l'ASA (Advertising Standards Authority), l'equivalente della nostra Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, avrebbe intimato a Nissan UK di correggere le informazioni riportate sul proprio sito web ufficiale. Anziché "fino all'80% di carica in 40-60 minuti", la formula (nonostante la difesa della Casa) si è così trasformata "dal 20% all'80% della carica in circa 60 minuti".

LENTE DI INGRANDIMENTO A loro volta, le necessarie condizioni alle quali sperimentare una simile velocità di esecuzione (standard di ricarica CHAdeMO da 50 kW, temperatura atmosferica, etc.) risultavano troppo difficili da individuare all'interno della pagina web: risultato, un asterisco ora rimanda a un paragrafo di spiegazioni tecniche di consultazione molto più immediata. Sfumature, sufficienti tuttavia a mettere al riparo l'azienda da ulteriori grane.

UNA RICARICA AL GIORNO Non è tutto, perché i Leaf-proprietari avrebbero anche osservato a Nissan come il claim pubblicitario nascondesse il limite di una sola ricarica rapida al giorno. L'imputato avrebbe replicato che non è così, che tecnicamente Leaf può sopportare anche ricariche veloci multiple su base quotidiana. In realtà, la best seller delle auto elettriche è in effetti provvista di un sistema di salvaguardia che protegge la batteria proprio da sessioni di ricarica rapida consecutive, tecnologia volta a impedire che gli accumulatori possano surriscaldarsi. Perfetto: dall'Authority, l'ordine di aggiungere alla scheda anche questa nota. 

EXCUSATION NON PETITA... Non è chiaro se l'accusa di pubblicità ingannevole abbia interessato esclusivamente la flilale Nissan del Regno Unito. Sta di fatto che è sufficiente un click per apprendere come anche il sito internet in italiano sia del tutto uniformato all'edizione UK...


TAGS: nissan auto elettrica nissan leaf tempi di ricarica batterie CHAdeMO