VIA ALLE TELEFONATE Il purgatorio è stato breve, l'ecobonus fa di nuovo il "pieno" di energia. Dopo lo stop di qualche giorno dovuto a temporaneo esaurimento risorse, da oggi lunedì 8 luglio 2019 è nuovamente possibile prenotare gli ecoincentivi destinati ad auto elettriche e ibride plug-in, quei modelli cioè dal tasso di emissioni inferiore alla fatidica soglia dei 70 g/km di CO2. Il servizio è di nuovo attivo dopo che il Ministero dello Sviluppo Economico ha sbloccato la seconda tranche di fondi pubblici, una somma di 40 milioni di euro circa (39.870.000 euro) disponibile (salvo prosciugamento anticipato) fino al 20 novembre 2019

IL REGOLAMENTO La seconda fase di aiuti statali all'acquisto di automobili a basso impatto ambientale segue lo stanziamento dei primi 20 milioni di euro dello scorso aprile. Per beneficiare dell'ecobonus (clicca qui per conoscere i nomi dei modelli eleggibili), il venditore deve formulare la richiesta dalla piattaforma online del Mise nel momento stesso della firma del contratto. L'erogazione sarà inoltre dovuta solo in caso di immatricolazione successiva di non oltre 180 giorni dalla prenotazione.

BILANCI DI MEZZA ESTATE A proposito: funziona, il tanto chiacchierato bonus-malus? Un'occhiata ai dati di mercato per apprendere come i volumi di auto elettriche, da maggio a giugno, siano cresciuti in modo esponenziale (+224%), sebbene si tratti ancora di numeri trascurabili (1.445 unità), ma anche come le ibride plug-in siano al contrario peggiorate (334 unità, il 50% in meno). Dalle auto green a quelle più inquinanti (CO2 maggiore di 160 g/km), vittime della sovrattassa progressiva: non esiste una statistica ad hoc, sappiamo invece che la media ponderata di emissioni è cresciuta a giugno del +5%... L'ecotassa non fa "malus".


TAGS: auto elettrica auto ibride plug-in ecoincentivi 2019 ecobonus 2019