Autore:
Lorenzo Centenari

AUTO-SMARTPHONE Automobili ed elettronica di consumo, mondi un tempo separati, oggi indissolubilmente legati l'uno all'altro. Perché l'auto del futuro è iperconnessa, e chi meglio di un "big" della telefonia mobile conosce la formula magica per trasformare il concetto stesso di mobilità? Dalla partnership tra PSA Group e Huawei, il gigante cinese delle telecomunicazioni, nasce il primo veicolo al mondo a piattaforma ultraconnessa. DS7 Crossback il modello scelto come cavia: a poco a poco, l'intera flotta PSA verrà contagiata da una rivoluzione digitale senza precedenti.

INTERNET OF CARS L'esemplare di DS7 Crossback che in questi giorni staziona allo stand Huawei del Salone di Hannover è dunque il primo veicolo in assoluto a beneficiare della speciale piattaforma IoT CVMP (Connected Vehicle Modular Platform), sofisticato programma attraverso il quale l'utente beneficia di una marea di nuove funzioni come navigazione connessa, riconoscimento vocale in "linguaggio naturale", inoltre un vero e proprio portale in cloud di servizi online. Tutto quanto accessibile direttamente dal display di bordo. Ma non solo.

TUTELA DELLA PRIVACY Grazie alla piattaforma Huawei CVMP, su DS7 Crossback è possibile accedere allo stato di manutenzione del veicolo, alla cronologia degli spostamenti e alle modalità di guida anche dal proprio smartphone. Le funzionalità pilota appena presentate saranno poi completate da nuovi servizi ancora, sia per privati, sia per le flotte: infotainment, aggiornamenti software a distanza, cartografie di navigazione, un assistente personale, diagnosi da remoto. Le interazioni tra il veicolo e il cloud sono sicure: dati crittografati per garantirne integrità e riservatezza. E "navigare" in totale serenità.


TAGS: huawei internet of things auto connessa DS7 Crossback PSA Group