Autore:
Marco Rocca

IL PRIMO DELLA SERIE La DS 7 Crossback è il primo SUV DS a nascere con il marchio DS. Bella scoperta, direte voi. Ma non è sempre stato così visto che, fino a poco tempo fa il Marchio DS era affiancato sul cofano dal Double Chevron Citroen. Oggi il marchio di lusso del Gruppo PSA si fa portabandiera dei migliori sistemi di ausilio alla guida che, a cascata, saranno poi utilizzati anche da Peugeot e Citroen.
Il cool factor della nuova DS 7? La tecnologia.

LEGGE LA STRADA Una delle caratteristiche in dote alla DS 7 Crossback, una prima per il segmento C, sono le sospensioni che leggono la strada. L’occhio vigile di una telecamera riprende il fondo stradale fino a 25 metri davanti all’auto passando le informazioni a una centralina che adatta preventivamente la risposta di ogni singolo ammortizzatore su buche o irregolarità dell’asfalto. Lo stesso principio che ritroviamo, per esempio, sulla berlina di rappresentanza Mercedes Classe S, che però adotta complesse molle pneumatiche al posto di quelle tradizionali della DS 7.
Se vi state domando se tutto ciò si senta alla guida, la risposta è sì, provare per credere.  

VEDE AL BUIO Il cool factor della tecnologia passa anche dal fatto che la DS 7 Crossback è la prima SUV compatta ad adottare come optional (1.800 Euro) il Night Vision in grado di individuare pedoni, ciclisti o animali al buio (grazie alla termocamera) e di allertare il guidatore mettendoli in evidenza nel cruscotto digitale che per la cronaca è da 12,3”, quasi la stessa dello schermo (di 12") del sistema multimediale delle Ispirazioni Rivoli e Opera (quello di serie è di 8 pollici). Segno distintivo della nuova SUV compatta DS è il suo sguardo iper tecnologico full led che adatta il fascio di luce al tipo di strada che si sta percorrendo e alle condizioni meteo grazie al movimento di ogni singolo punto luce.

GUIDA DA SOLA Parlando di tecnologia non si può non menzionare il cruise control adattativo che può essere abbinato anche al sistema di mantenimento della corsia, creando così un sistema di guida semiautonoma (1.700 euro nel pacchetto Pilot Connected) in grado di controllare acceleratore, freno e sterzo da 0 a 180 km/h. A patto di mantenere comunque le mani sul volante!

SVEGLIAAA!!! Il Cool Factor della tecnologia della DS 7 Crossback passa anche attraverso la telecamera a infrarossi che analizza lo sguardo di chi è al volante, riconoscendo se si sta assopendo o si è distratto. Di serie per la Grand Chic costa 1.500 euro per le altre versione a fa parte del pacchetto Advanced Safety.

PARCHEGGIA DA SOLA Non manca l’anteprima del parcheggio completamente automatico (non si toccano nè sterzo nè pedali) che lavora sia nei parcheggi paralleli sia in quelli perpendicolari.

SOLO ANTERIORE MA... Non tutti sanno che DS 7 Crossback non si può avere a trazione integrale ma la tecnologia viene in aiuto con il sistema di controllo di trazione per fondi scivolosi che sulla DS 7 Crossback si chiama Advanced Traction Control (500 euro). Non è altro che quello che Peugeot e Citroën chiamano Grip Control e che nelle Opel Crossland X e Grandland X va sotto il nome di IntelliGrip, e come per questi ultimi è abbinato a pneumatici M+S, per “fango e neve”.

Insomma avete capito perché il Cool Factor della DS 7 Crossback è la tecnologia? Fatemi sapere che cosa ne pensate qui sotto nei commenti e se volete saperne di più, non dimenticate di guardare la prova su strada tra le correlate. 


TAGS: ds 7 crossback interni ds 7 crossback prezzi ds 7 crossback prova ds 7 crossback uscita ds 7 crossback configuratore ds 7 crossback dimensioni