Pubblicato il 20/01/21

AUDI COSTRETTA A CORRERE AI RIPARI La crisi dei chip colpisce pesante il mondo automotive e dopo le notizie sui ritardi produttivi di alcuni colossi come Honda e Nissan anche Audi paga le conseguenze di questa situazione. La Casa tedesca è stata costretta a mettere in aspettativa più di 10.000 lavoratori per colpa della carenza globale di semiconduttori e dovrà anche ritardare la produzione di alcuni modelli della gamma. Le voci parlano di un interessamento dei siti produttivi di Ingolstadt e Neckarsulm dove sarà introdotta anche una riduzione dell’orario di lavoro fino al 29 gennaio, una mossa che avrà un impatto sulla produzione delle Audi A4 e A5.

Crisi microchip: l'Audi A5 è coinvolta nel rallentamento della produzione
COSA DICE IL CAPO DI AUDI Tuttavia, in una intervista con il Financial Times l'amministratore delegato Markus Duesmann ha affermato che la produzione complessiva non dovrebbe essere influenzata in quanto proveranno a recuperare il tempo perso nella seconda metà del 2021. Il capo di Audi ha aggiunto che la Casa tedesca ''farà tutto il possibile per mantenere il numero al di sotto delle 10.000 unità [meno modelli prodotti] per il primo trimestre''. Molte case automobilistiche in tutto il mondo stanno soffrendo a causa della continua carenza di fornitura di semiconduttori. In Nord America, produttori tra cui Ford, Fiat, Chrysler Automobiles, Subaru, Toyota e VW sono stati costretti a modificare i programmi di produzione fino a quando non tornerà normale l’approvvigionamento di microchip necessari a far dialogare i circuiti elettrici delle auto. In altri mercati, ancora Volkswagen e anche Nissan, Ford, Honda e Daimler hanno dovuto rallentare le catene di montaggio.

Crisi microchip: l'AD Audi Markus Duesmann ha fiducia nella ripresa

L’OPINIONE DELL’ESPERTO Parlando con i media americani, il vicepresidente della società di consulenza Gartner, Gaurav Gupta, ha affermato che questa situazione è dovuta a una serie di fattori, che hanno causato la carenza. Nella primavera del 2020, la domanda di nuovi veicoli è diminuita a causa della pandemia di Covid-19, di conseguenza le case automobilistiche hanno ridotto gli ordini di microchip. Allo stesso tempo, la domanda di dispositivi elettronici come PlayStation 5, Xbox Series X e computer per tutti coloro che sono stati costretti a casa, è aumentata alle stelle e quando l'industria automobilistica è tornata alla normale produzione, tutto si è tradotto in una carenza globale. ''Con tempi di consegna da sei a nove mesi, l'industria dei semiconduttori non è stata in grado di espandersi abbastanza velocemente per soddisfare questa crescita inaspettata della domanda automobilistica'', ha aggiunto il portavoce di un partner delle Case costruttrici importante come Continental''Si prevede che i colli di bottiglia causati, loro malgrado, dall'industria dei semiconduttori continueranno fino al 2021, causando pesanti ripercussioni nella produzione''. La situazione è più seria del previsto, il Coronavirus mette ancora lo zampino nel mondo auto e, a questo punto, speriamo sia l’ultima volta.

                           


TAGS: audi automotive industria produzione auto