Pubblicato il 25/12/20

DUELLO FRA TEDESCHE CON MOTORE IBRIDO ALLA SPINA

Si giocano da sempre il primato nel segmento delle compatte premium a suon di tecnologia, look e piacere di guida. Ma la sfida, oggi, sconfina in un territorio nuovo, quello dell’elettrificazione per soddisfare le più stringenti normative ambientali. Audi, con la A3 Sporback 40 TFSI e S-Tronic e Mercedes, con la A 250 e EQ Power Automatic, mettono in campo i loro pezzi da novanta, quelli con i motori plug-in hybrid, cioè con il motore a combustione aiutato da quello elettrico e con batterie ricaricabili alla spina. Risultato? Secondo i tedeschi prestazioni e piacere di guida si impennano (ma anche il prezzo). Consumi ed emissioni fanno un passo indietro, per far contenti tutti. E nel pacchetto non dobbiamo scordare anche sgravi fiscali e agevolazioni alla circolazione, come l’accesso alle ZTL.

Audi A3 vs Mercedes Classe A plug-in hybrid: le protagoniste del nostro test

COME È FATTA L’AUDI

La nuova A3 Sportback ha un look più sportivo, ma la sua immagine di auto premium da famiglia è rimasta intatta. È sempre lunga 4,34 metri, ma è più larga di 3 cm, oggi siamo a 1,82 metri. La calandra Single Frame è più ampia, le griglie laterali sono belle grandi, ma finte, ci sono fianchi attillati e parafanghi più muscolosi. I cerchi in lega da 18” con la griffe “Audi Sport”, le calzano a pennello ed è molto bello il taglio del posteriore, che è più spigoloso e attuale della Classe A. Come si riconosce che è la PHEV? Ci sono il badge sul portellone e lo sportellino della presa di corrente sul parafango anteriore sinistro.

Audi A3 vs Mercedes Classe A plug-in hybrid: lo sportellino anteriore della presa di carica sulla A3

ABITACOLO SPORTIVO, INFOTAINMENT AL TOP A bordo ci sono sedili sportivi in tessuto tecnico che sembrano rigidi all’inizio, ma poi sostengono bene il corpo, senza affaticarlo. Lo spazio davanti è più che sufficiente, la posizione di guida è corretta e si vede bene fuori grazie a montanti sottili e parabrezza ampio. Non è una novità ma il Virtual Cockpit, qui in versione opzionale Plus da 12,3”, è un gioiello di tecnologia digitale. È configurabile e mostra anche i parametri del sistema ibrido. A fianco del cruscotto ci sono due satelliti, sono le bocchette di ventilazione in stile… Lamborghini Urus. Per questa A3 PHEV si prende in prestito solo il meglio del Gruppo! Al centro c’è il touchscreen da 10,1” col quale si gestiscono le funzioni dell’infotainment e i programmi di marcia elettrificata. Il sistema operativo MIB 3 è il più evoluto di casa Audi e supporta Apple CarPlay e Andorid Auto, tuttavia si può usare il dito come una matita per inserire un indirizzo. Preferite tasti e pulsanti? Il clima, la radio e i profili di guida si regolano ancora in maniera “analogica”, quindi le distrazioni sono minime.

Audi A3 vs Mercedes Classe A plug-in hybrid: l'abitacolo della compatta PHEV di Ingolstadt

COMFORT PER QUATTRO, MA IL BAULE… Dietro stanno comode due persone, il tunnel centrale ruba centimetri ai piedi del terzo passeggero, tuttavia il tetto che si abbassa non toglie spazio alla testa per tutti, anche chi è più alto di un metro e 80. Il bagagliaio, invece, perde un centinaio di litri rispetto alla A3 con motore a combustione per il pacco batterie messo sotto il piano di carico, senza contare la sacca che contiene i cavi di ricarica. Si scende così a 280/1.100 litri.

MOTORE E TECNOLOGIA AUDI

Il 4 cilindri turbo-benzina ha una potenza di 150 CV e una coppia di 250 Nm. Per il motore elettrico ci sono 109 CV e 330 Nm di coppia. Insieme danno vita a una A3 capace di ben 204 CV e 350 Nm catapultati sulle ruote anteriori grazie all’azione precisa del cambio automatico a doppia frizione S-Tronic a 6 rapporti “shift by wire”, ovvero senza connessioni meccaniche. La batteria agli ioni di litio, che alimenta il sistema ibrido, ha una capacità di 13 kWh. Il caricatore di bordo accetta al massimo una potenza di ricarica di 2,9 kW. Occorrono circa 5 ore per una carica completa, tanto da una semplice presa domestica quanto da una wallbox o colonnina pubblica più potenti. Questo lo considero un limite rispetto alla Classe A, che supporta fino a 7,4 kW.

Audi A3 vs Mercedes Classe A plug-in hybrid: una vista di 3/4 del posteriore Audi ne mostra lo stile moderno

PUOI CONFEZIONARE LA GUIDA SU MISURA Ci sono, poi, 4 programmi di marcia: “EV” che dà priorità alla trazione elettrica, “Auto”, che bilancia l’utilizzo dei motori endotermico ed elettrico, “Battery Hold” per conservare la carica di elettricità, “Battery Charge” per forzare la ricarica degli accumulatori sfruttando l’azione del motore a combustione e il maggiore effetto freno in decelerazione. In aggiunta, ci sono i 5 profili di guida dell’Audi Drive Select “Auto”, “Comfort”, “Dynamic”, “Efficiency”, “Individual”, che invece influenzano le reazioni dell’auto agendo su motore, cambio e sterzo per rendere la guida più sportiva, confortevole o efficiente.

AL VOLANTE AUDI

Fatto il ripasso di ingegneria eccomi al volante della A3 Sportback PHEV. Primissima sensazione: l’abitacolo è silenzioso poiché il motore non alza la voce, neppure se sollecitato. Le sospensioni smorzano bene i colpi, semmai il pavé cittadino le fa andare un po’ in affanno, ma lo avevo messo in conto.

Audi A3 vs Mercedes Classe A plug-in hybrid: la A3 ha un'erogazione fluida e piacevole

ASSETTO SINCERO SIGNIFICA PIACERE DI GUIDA Forzando il ritmo l’Audi regala altro feeling. Sterzo bello preciso, molle che sostengono bene, pneumatici ribassati da 225/40 e la traiettoria sembra tracciata con un compasso, anche se le gomme invernali - più scolpite - devono lavorare duro per tenere a bada i 1.635 kg dell’auto. L’erogazione della potenza è fluida, ma i 204 CV sono lì, a ricordare che basta sfiorare l’acceleratore per tirare fuori uno scatto da fermo o una ripresa molto vivaci. Non a caso Audi dichiara uno 0-100 in 7,6 secondi e una punta velocistica di 227 km/h.

AUTONOMIA E CONSUMI AUDI

Capitolo autonomia e consumi: in modalità EV e con batteria al 100% la tedesca ha percorso 42 km prima di esaurire l’ultima goccia di energia elettrica. Meno dei 67 km dichiarati nel ciclo combinato WLTP, ma ottenuti in condizioni “reali”, insieme alla Classe A plug-in, su un percorso misto fra città ed extraurbano e senza forzare sull’acceleratore. Una volta terminata la riserva di elettroni il motore a combustione ha chiesto 6,4 l/100 km in città (15,5 km/l), 6,5 l/100 km (15,4 km/l) in autostrada e 6,3 l/100 km (15,9 km/l) in media.

Audi A3 vs Mercedes Classe A plug-in hybrid: la A3 PHEV è stabile e sicura in curva

IL PREZZO AUDI

La A3 più sofisticata della gamma, in versione S Line Edition come questa, attacca a 44.300 euro. Ma ha di serie numerosi accessori, tra i quali: assistente al parcheggio, cruise control, fari a LED, frenata di emergenza, mantenimento di corsia e navigatore satellitare. Ma la lista optional e davvero lunga e quella che sto guidando costa 55.750 euro. Tanti soldi, tuttavia la cifra si riduce considerando eventuali incentivi, promozioni e formule agevolate d’acquisto di Audi per i suoi modelli elettrificati.

COME È FATTA LA MERCEDES

Con i suoi 4,42 m la Classe A è più lunga di 8 cm rispetto alla rivale A3, eppure non si nota: piccolo gioco di prestigio degli stilisti Mercedes, che hanno creato una linea affilata, ma che maschera gli ingombri. È fatta di curve, più che di spigoli, con il muso allungato e il padiglione raccolto, chiuso dalla coda corta e arrotondata. Il risultato è un'auto molto elegante, ma forse dal look meno moderno della rivale. Come per l’Audi serve occhio per riconoscere la Classe A plug-in dalle sorelle a motore tradizionale, perché gli indizi sono pochi: il logo sul portellone, le mostrine EQ Power sui parafanghi e, naturalmente, lo sportellino per la presa di ricarica, questa volta sul parafango posteriore destro.

Audi A3 vs Mercedes Classe A plug-in hybrid: il 3/4 posteriore della Classe A con linee più morbide

INTERNI MENO LUMINOSI, BAGAGLIAIO PIÙ GRANDE L’abitacolo non è avaro di centimetri, ma la linea di cintura alta riduce i finestrini e così anche la luce a bordo. Ci pensa il tetto apribile in vetro, opzionale, a ridare respiro, ma senza di esso - basta tirare la tendina elettrica per fare la prova - la sensazione è di minore ampiezza rispetto alla rivale. Dietro, in effetti, c'è meno spazio per le ginocchia che sulla A3. Tutto ok, invece, in altezza: almeno fino al metro e 90 di statura. Un vantaggio, la Classe A plug-in ce l'ha nel bagagliaio, che va da 310 a 1.125 litri di capacità e che ha una forma regolare, facile da sfruttare. Peccato dover, anche qui, portarsi dietro le borse con quei grossi cavi per la ricarica...

Audi A3 vs Mercedes Classe A plug-in hybrid: l'abitacolo di Mercede molto ben rifinito

DENTRO NEPPURE UNA SBAVATURA A bordo la qualità percepita è elevata, con montaggi accurati e finiture di pregio, qui facciamo pari con l’Audi. Comodi i sedili rivestiti di pelle ecologica, che sostengono bene il busto e le gambe. Bello il colpo d’occhio, con il gioco di luci colorate che illuminano plancia, pannelli porta e le bocchette di ventilazione. E convince la leva del cambio sul piantone di sterzo, più immediata da utilizzare rispetto a qualunque comando nella console centrale.

Audi A3 vs Mercedes Classe A plug-in hybrid: il doppio display da 10,25'' chiuso in un'unica cornice

INFOTAINMENT RICCHISSIMO, FIN TROPPO… Connettività al top con il sistema MBUX. Il dialogo uomo-macchina passa attraverso due schermi chiusi in un’unica cornice, che in questo caso sono quelli opzionali da 10 pollici e un quarto mentre quelli di serie hanno la diagonale da 7”. Belli e completissimi: con ampia possibilità di personalizzarne le informazioni, ma la quantità di funzioni è impressionante e ci vuole un bel po' di tempo per esplorare tutte le possibilità offerte dal sistema Mercedes. Spesso, è meglio farsi aiutare dall'assistente vocale che risponde al comando “Hey Mercedes”, in grado anche di regolare la temperatura in abitacolo. Anche se non sempre capisce al primo colpo. Per questo è funzionale la presenza dei pulsanti sulla plancia e sul tunnel centrale per regolare radio, climatizzatore e setup dell’auto: rendono più immediate le funzioni d'uso più comune. Peccato che il touchpad nella console centrale sia vicino ai portabicchieri e al vano per lo smartphone: facile sfiorarlo per sbaglio e richiamare una funzione senza volerlo.

MOTORE E TECNOLOGIA MERCEDES

Il quattro cilindri turbo-benzina milletre eroga 163 CV e 250 Nm, il motore elettrico – a regimi diversi – esprime fino a 102 CV e 300 Nm. Tradotto nella lingua dell’elettrificazione significa che la Mercedes ha 218 CV e 450 Nm di coppia complessivi. Il motore è più reattivo e progressivo di quello della A3, anche se il cambio otto marce doppia frizione 8G-DCT è meno svelto nei passaggi marcia dell’S-Tronic Audi, quando adoperati in manuale. Inoltre, non c'è modo di farlo rimanere a lungo in questa modalità, perché in poco tempo torna da solo a funzionare in automatico. La batteria da 15,6 kWh si rigenera in 5 ore e mezza da una presa domestica a 230V, ma sulla Classe A il caricatore di bordo accetta fino a 7,4 kW di potenza in ricarica, quindi da una wallbox o da una colonnina pubblica taglia i tempi fino a un’ora e 45 con i cavi in dotazione.  

AL VOLANTE MERCEDES

Lo diciamo subito, la Classe A PHEV ha più birra della sua rivale. I 14 CV, ma soprattutto 100 Nm (di sistema) in più sotto il cofano, giocano a favore della tedeschina di Stoccarda. Le migliori prestazioni, però, sono accompagnate da un motore termico meno silenzioso e meno fluido, quando interviene nella guida ibrida. Se si tirano le marce, il sound è più invadente rispetto alla A3. Ma volete mettere i 6,6 secondi sullo 0-100 e i 235 km/h di velocità massima dichiarati? La A3 resta negli specchietti retrovisori, nonostante la Mercedes, con i suoi 1.680 kg, ne pesa 45 in più della rivale. Anche l’assetto mi regala un bel feeling.

Audi A3 vs Mercedes Classe A plug-in hybrid: la piccola di Stoccarda è più performante della rivale

BUON FEEDBACK E (UN PO’) PIÙ DI COMFORT Le sospensioni non vanno in difficoltà sul pavé cittadino e le gomme invernali 205/55-17”, con spalla più alta rispetto alla A3, assorbono meglio i colpi forti. Certo, se si forza la mano, tenuta e appoggio in curva sono inferiori, con un sottosterzo più evidente, ma il piacere di guida non ne risente più di tanto. Si potrebbe aggiustare la taratura del pedale del freno, che è fin troppo sensibile, tanto più che in coda, la Mercedes a volte rallenta da sola per aiutare la ricarica della batteria. Anche qui non mancano i profili di guida: Sport, Comfort, Eco e Individual, che intervengono su risposta di motore, sterzo e cambio. Poi ci sono i comandi Electric, per scegliere la guida a zero emissioni, e Battery Level che invece mantenere costante la carica della batteria durante la marcia.

Audi A3 vs Mercedes Classe A plug-in hybrid: apprezzabile il comfort a bordo della Classe A

ASSISTENTI ALLA GUIDA ''PREMUROSI'' Su questa Classe A non si può che apprezzare la presenza di numerosi assistenti alla guida, di serie o optional inclusi nel pacchetto Driving Assistance da 1.879 euro. Fra gli altri ci sono la frenata automatica di emergenza, il mantenitore di corsia, il rilevamento dei segnali stradali, il cruise control adattivo e la navigazione con la realtà aumentata, che sovrappone le indicazioni a immagini “live” riprese da una videocamera. Voto più alla sicurezza, ma il sistema contro le uscite accidentali dalla corsia agisce bruscamente sui freni e sullo sterzo e lo fa in maniera fin troppo conservativa, quasi fastidiosa. Sarebbe preferibile un’azione più delicata, come sulla A3. Altrimenti gli utenti potrebbero decidere di spegnerlo.

AUTONOMIA E CONSUMI MERCEDES

Capitolo consumi, la Classe A 250 PHEV è in linea con la rivale Audi. In prova siamo riusciti a percorrere 45 km a zero emissioni, contro i 67 km dichiarati secondo il ciclo WLTP. E una volta esaurita l'autonomia per la marcia in elettrico, il 4 cilindri si beve 7,4 l/100 km in città e 6,2 l/100 km in autostrada, per una media di 6,1 l/100 km. In chilometri litro fanno 13,5 in città, 16,1 in autostrada e 16,4 di media.

Audi A3 vs Mercedes Classe A plug-in hybrid: le due rivali fianco a fianco

IL PREZZO MERCEDES

Lato prezzo, come Audi A3, anche la Classe A ibrida plug-in ha un listino che attacca in alto, poiché in allestimento Sport, come questa, parte da 44.220 euro. Di serie monta accessori, come fari a LED, navigatore satellitare, telecamera posteriore, cruise control e climatizzatore automatico. I tanti optional dell’esemplare di questa comparativa, come il tetto apribile, i pacchetti di assistenza alla guida e l’infotainment MBUX più evoluto, spingono il costo finale a 51.392 euro senza contare eventuali incentivi e offerte Mercedes.

IL VIDEO DELLA PROVA

In questo articolo avete letto tutto delle due rivali tedesche con motorizzazione plug-in hybrid. Vi abbiamo raccontato dalle differenze nello stile, a come sono fatte dentro e fuori, fino ai loro motori, come vanno e quanto consumano, per finire con allestimenti, accessori e prezzi. Però, non le avete ancora viste faccia a faccia su strada. Allora, mano alla tasiera e clic subito dopo le schede tecniche. Godetevi il video e fateci sapere cosa pensate di Audi A3 Sportback e Mercedes Classe A elettrificate alla spina.  

LE SCHEDE TECNICHE

 

MODELLO

AUDI A3 SPORTBACK 40 TFSI e S LINE EDITION

MERCEDES A 250 e EQ POWER SPORT

Motore

1.395 cc, 4 cil. turbo b.

1.332 cc, 4 cil. turbo b.

Potenza di sistema

204 CV

218 CV

Coppia di sistema

350 Nm

450 Nm

Batteria:

Prestazioni:

13,0 kWh

V. max 227 km/h
Acceleraz. 0-100 in 7,6”

15,6 kWh

V. max 235 km/h
Acceleraz. 0-100 in 6,6”

Consumo WLTP

1,0-1,3 l/100 km

1,0 l/100 km

Trazione

anteriore

anteriore

Cambio

S-Tronic a 6 rapporti

8G-DCT a 8 rapporti

Dimensioni:

4,34 x 1,82 x 1,45 m

4,42 x 1,80 x 1,44 m

Peso O.D.M.

1.635 kg

1.680 kg

Bagagliaio

280/1.100 litri

310/1.325 litri

Prezzo

da 44.300 euro

da 44.220 euro


TAGS: audi a3 prova video mercedes classe a audi a3 sportback plug in hybrid mercedes A 250 e audi A3 40 TFSI e audi a3 plug-in