Pubblicato il 17/03/2020 ore 18:30

E IO PAGO Il cosiddetto decreto ''Cura Italia'' farà respirare (si spera) sanità, famiglie e aziende, un intero Paese colpito da un livello di emergenza senza precedenti dal dopoguerra in poi. Sospesi adempimenti fiscali, rate mutuo, licenziamenti, etc. E chi ha in essere un piano di ammortamento per l'acquisto di un veicolo? Nessuna misura specifica è stata al momento prevista, né dal Governo, né dai singoli marchi. Si intende che nessuna moratoria collettiva, dagli attori che presidiano il mercato nazionale, è stata sin qui concessa in via ufficiale. Differente invece il caso degli Stati Uniti, dove al contrario Ford si è subito attivata per correre incontro al proprio pubblico. Qui sotto, il video dell'iniziativa di Ford Credit.

ANTIVURUS FORD In sostanza, l'Ovale concede ai clienti coinvolti in varie forme dagli effetti dell'infezione da Coronavirus di sospendere o rinegoziare il proprio piano di finanziamento o leasing di un nuovo modello. Allo stesso tempo, coloro che desiderassero acquistare un'automobile proprio in questo periodo di emergenza (anche negli Usa il COVID-19 sta mostrando con violenza le sue conseguenze sulla salute e sulla vita pubblica dei cittadini) possono approfittare dell'opportunità di posticipare la prima rata di 90 giorni. 

E IN ITALIA? A beneficio di chi avesse perso il lavoro, un'iniziativa simile l'hanno messa in atto pure Hyundai e il suo brand di lusso Genesis: sempre negli Usa, sospensione di sei mesi delle rate di finanziamento o di noleggio e prima tranche di pagamenti differita di 90 giorni in caso di auto nuova acquistata tra l'inizio dell'epidemia e la fine di aprile 2020. Chissà se anche alle nostre latudini, dai Costruttori, partiranno simili campagne: il quadro è complicato, i concessionari sono chiusi per decreto e solo l'assistenza telematica è al momento operativa. Non è escluso, tuttavia, che promozioni ''ad hoc'' (vista la forte crisi delle vendite attesa per marzo) vengano prima o poi a galla.


TAGS: ford finanziamento auto Coronavirus