Auto a metano e Gpl, Italia primo mercato in Europa. Male l'elettrico
Carburanti alternativi

Auto a gas, Italia primo mercato in Europa. Male l'elettrico


Avatar di Lorenzo Centenari , il 13/02/18

3 anni fa - Venduto in Italia un esemplare in Europa su quattro. Crescita del 24%

L'Italia assorbe un quarto del totale europeo delle vendite di modelli a metano e Gpl. Crescita del 24%. Ma l'elettrico non decolla

GIARDINO ECOLOGICO? Benvenuti in Italia, il Paese dell'auto ecologica. Attenzione: non il Paese dell'auto elettrica, qui ancora vista con ostilità. L'etichetta "eco", semmai, l'Italia se la aggiudica grazie alla massiccia diffusione di automobili a gas. Nel 2017, qui vendute 230.010 vetture ecosostenibili (per lo più a gas metano o a Gpl), in crescita del 24% rispetto al 2016. Significa che un modello su quattro, dei 953.355 ad alimentazione alternativa immatricolati lo scorso anno in Unione Europea, ha acquistato la cittadinanza italiana. Ma il dato, appunto, è "drogato" dai fumi del gas.

IL METANO DÀ UNA MANO Il rapporto Anfia sul mercato dell'auto ecologica in Europa mostra infatti come le auto a metano e Gpl incidano, sul totale alimentazione alternative, nella misura del 21,6%, ovvero 205.667 unità. Di queste, addirittura 161.785 unità (il 78,7%) sono state targate in Italia. Molte di più che non in UK, Germania, Francia e Norvegia. Gli italiani hanno inoltre un concetto dell'auto "green" quasi esclusivamente legato alla propulsione a gas: tra tutte le ecocar vendute lo scorso anno, il 70,3% del totale è spinta da motori tradizionali che bruciano metano o Gpl al proprio interno.

VEDI ANCHE



ELETTRICO NON PERVENUTO Si accennava agli stenti dell'elettrico in Italia. Su 287.270 veicoli a zero emissioni venduti nel 2017 nei Paesi Ue/Efta (+38,7%), equivalenti a uno share del 30,1% del mercato ad alimentazione alternativa, lo Stivale ha contribuito per appena 4.827 unità (lo 0,2% del totale, il 2,1% del monte vetture ecologiche). E pensare che in un anno le immatricolazioni sono raddoppiate: nel 2016 si limitarono a 2.819 pezzi. Nel quadro elettrico continentale, l'Italia recita un ruolo trascurabile. Diversamente da Germania (54.617 unità), Regno Unito (47.298) e Francia (36.835). Senza contare il caso Norvegia, che con 62.313 unità è il leader europeo.

MA L'IBRIDO VA SU In generale, in Europa un auto ogni 54 immatricolate è elettrica: nel 2016, il rapporto era di una ogni 72. Peggo di noi (in Italia la proporzione è di una ogni 408) fa soltanto la Grecia, con una ogni 443. Nel Belpaese, leggermente migliore risulta semmai il trend delle vetture ibride: delle 460.418 vendute in Europa, nel 2017 l'Italia ne ha assorbite 63.398. Una cifra quasi doppia rispetto alle 37.240 del 2016, e con un'incidenza oggi del 3,2% rispetto al mercato totale italiano. Rispetto a tutte le eco-immatricolazioni, infine, la quota traguardata dalle vetture ibride ammonta al 27,6%.


Pubblicato da Lorenzo Centenari, 13/02/2018
Vedi anche
Logo MotorBox