Autore:
Emanuele Colombo

ESCLUSI GLI EURO 2 La scadenza è giovedì 16 novembre 2017: data in cui cambiano le regole per trasformare a metano e GPL gli autoveicoli e godere degli ecoincentivi ICBI: vengono ora ammessi gli automezzi privati Euro 4 alimentati a benzina, mentre vengono esclusi gli Euro 2. Sono oltre 680 i comuni che aderiscono all’iniziativa e sono disponibili ancora 900mila euro da assegnare.

GLI INCENTIVI IN DETTAGLIO

  • Incentivo € 500 (€ 350 a carico del fondo ICBI e € 150 a carico dell’officina richiedente) per installazione impianti GPL su automezzi privati Euro 3 – 4 alimentati a benzina.
  • Incentivo € 650 (€ 500 a carico del fondo ICBI e € 150 a carico dell’officina richiedente) per installazione impianti metano su automezzi privati Euro 3 – 4 alimentati a benzina.
  • Incentivo € 750 per installazione impianti GPL su veicoli commerciali Euro 3-4-5 alimentati a benzina.
  • Incentivo € 1.000 per installazione impianti metano su veicoli commerciali Euro 3-4-5 alimentati a benzina.
  • Incentivo € 750 per installazione impianti GPL su veicoli commerciali con alimentazione diesel.
  • Incentivo € 1.000 per installazione impianti metano su veicoli commerciali con alimentazione diesel.

SCADENZE E RIFERIMENTI Dal 16 novembre non saranno più accettate ulteriori pratiche di trasformazione di auto Euro 2, che potranno ricevere l’incentivo solo se prenotate presso le officine entro la data del 15 novembre 2017. L’incentivo è erogato direttamente, sotto forma di sconto riportato in fattura. L'elenco dei comuni aderenti e delle officine autorizzate è riportato al link http://www.ecogas.it/ICBI2016/index.html.


TAGS: ecoincentivi incentivi metano e gpl incentivi metano incentivi gpl ecoincentivi impianto metano ecoincentivi impianto gpl nuove regole ecoincentivi impianto metano incentivi impianto gpl incentivi blocchi del traffico aree a traffico limitato