Pubblicato il 08/08/20

AL SERVIZIO DELLA GUIDA La coniugazione fra comfort, sicurezza e piacere di guida è l’obiettivo ultimo per la progettazione e la costruzione di un’automobile. Ma se fino a pochi anni fa si trattava semplicemente di mettere insieme e far lavorare correttamente tra loro gli elementi meccanici, oggi con l’avvento dei microchip è necessario far dialogare la meccanica (hardware) con l’elettronica (software). Ma l’obiettivo resta sempre quello: migliorare il piacere di stare a bordo sotto ogni profilo. E nella ricerca dell’integrazione fra telaio e motoreAudi è sempre stato un prim'attore.

SIGLA! Oggi, grazie all'interconnessione intelligente da parte della Electronic Chassis Platform (ECP), i sistemi adattivi come il controllo elettromeccanico del rollio Active Roll (eAWS), le sospensioni attive predittive e il sistema di sterzata integrale Dynamic All-wheel Steering (DAS) sono in grado di sfruttare appieno il loro potenziale. E sul SUV 100% elettrico Audi e-tron, il Brake Control System (iBRS) evidenzia come il recupero di energia nelle fasi di frenata diventerà la terza variabile nello sviluppo del telaio insieme al comfort di guida e alla sportività. Queste le linee guida imposte a Ingolstadt, ma come si traducono a bordo delle loro automobili di ultima generazione? Descriviamole una per una.

Dispositivi di assistenza Audi: più comfort, sicurezza e piacere di guida a bordo di SQ7 TDI

ECP ELECTRONIC CHASSIS PLATFORM

RUOLO PRINCIPALE Il coordinamento dei singoli sistemi sta acquistando sempre più importanza. E l’ECP, in qualità di sistema centrale di controllo, è l’elemento fondamentale sulle auto dei Quattro Anelli. In altre parole, deve assicurare la perfetta interazione di tutti i sistemi dell’autotelaio coinvolti durante la guida. E, oggi, i modelli della gamma di medie e grandi dimensioni si avvalgono di numerosi sistemi attivi di assistenza. Conosciamo, fra gli altri, quelli più innovativi.

Dispositivi di assistenza Audi: il sistema di sterzata integrale

DAS DYNAMIC ALL-WHEEL STEERING

L’ASSE POSTERIORE STERZANTE Il piacere di guida e la sportività sono messi in primo piano, per esempio, dal dispositivo di sterzatura integrale che interviene in modo mirato anche sull’asse posteriore. Lo sterzo dinamico segna un'evoluzione del sistema poiché l'ECP coordina il dispositivo di sterzata su entrambi gli assi. In questo modo, gli angoli di sterzo anteriore e posteriore possono essere regolati in modo indipendente. L'asse posteriore, ad esempio, al di sotto dei 60 km/h, gira nella direzione opposta fino a cinque gradi, il che aumenta l'agilità nelle curve a bassa/media velocità e migliora la maneggevolezza nel traffico urbano e in parcheggio. Sopra i 60 km/h, il DAS sterza in fase con l’asse anteriore fino a due gradi, migliorando la stabilità in rettilineo e nelle curve ad ampio raggio.


Audi e i sistemi adattivi: le sospensioni adattive predittive dell'ammiraglia A8/S8

PREDICTIVE ACTIVE SUSPENSION

PREDICONO IL FUTURO Le sospensioni attive predittive della A8/S8 sono un sistema elettromeccanico completamente automatizzato con un motore elettrico di assistenza collegato all'impianto primario da 48V. Il sistema può incrementare o diminuire il carico applicato su ogni ruota per adattarsi alla strada in base alle esigenze di guida e di comfort. Di conseguenza, il sistema controlla attivamente la posizione del corpo vettura in ogni situazione grazie alla piattaforma ECP, che invia segnali di monitoraggio alle sospensioni ogni cinque millisecondi. Per il rilevamento predittivo delle condizioni della strada, il sistema è collegato alla fotocamera anteriore dell'auto. Il comfort raggiunge un livello molto elevato grazie alla flessibilità delle sospensioni attive: il beccheggio durante l'accelerazione e la frenata, così come il rollio in curva o i trasferimenti di carico sono ridotti al minimo, moderando gli effetti negativi sul conducente e sui passeggeri. In modalità Comfort, tra gli 80 e i 130 km/h, il corpo vettura è inclinato verso l'interno con un angolo fino a tre gradi per limitare le forze di accelerazione laterale. Quando il guidatore seleziona il profilo di guida Dynamic, il sistema riduce notevolmente gli angoli di rollio del corpo intervenendo sulla taratura delle sospensioni.

Audi e i sistemi adattivi: la barra antirollio attiva

EAWS ACTIVE ROLL

IN CURVA L’AUTO NON SI CORICA Il sistema elettromeccanico di riduzione del rollio (eAWS) a bordo di SQ7 e SQ8 è un’altra soluzione per garantire un ottimale compromesso tra comfort e maneggevolezza dell’auto. A metà delle barre antirollio anteriore e posteriore è collocato un motore elettrico compatto che muove un sistema di ingranaggi. In rettilineo il controllo elettronico delle sospensioni assicura che le barre antirollio agiscano in maniera pressoché indipendente una dall'altra scollegandole. Questo riduce le vibrazioni originate da strade irregolari, aumentando il comfort di guida. Adottando una guida più sportiva, l’intervento del sistema elettromeccanico eAWS si concentra sulla compensazione del rollio lavorando in controfase rispetto all’azione del motorino elettrico, le barre tornano solidali equilibrando i trasferimenti di carico nelle percorrenze di curva e migliorare la maneggevolezza.

Audi e sistemi adattivi per la guida: il recupero di energia in frenata

IBRS BRAKE CONTROL SYSTEM

RECUPERO ENERGIA L'Audi  e-tron è il primo modello elettrico di grande produzione a utilizzare un sistema di gestione dei freni elettro-idraulico. L’impianto è azionato idraulicamente, ma l'accrescimento della forza frenante è attivato elettricamente. L'unità di controllo centrale rileva con quanta forza il conducente agisce sul pedale e, in pochi millisecondi, calcola la quantità di coppia frenante necessaria. Nei rallentamenti meno vigorosi, l'Audi e-tron diminuisce la velocità attraverso l’azione dei due motori elettrici. Inoltre, il guidatore può selezionare il livello di recupero di energia in tre fasi utilizzando i paddle al volante. Se la coppia per recuperare energia non è sufficiente, viene generata anche una pressione idraulica aggiuntiva per il freno convenzionale. Il sistema provvede a rendere familiare la sensazione di pressione sul pedale per mezzo di un elemento elastico. E nel caso di frenata ABS, non è avvertibile la classica pulsazione del pedale stesso. Il sistema di frenatura elettroidraulico, invece, si attiva quando il conducente agisce così energicamente che la decelerazione supera 0,3 g. In caso di emergenza, quando si attiva la frenata automatica, occorrono solo 150 millisecondi per generare la massima efficacia dei freni.

IL FUTURO 

DEMOCRATIZZAZIONE Questi sono alcuni esempi di interazione meccanica ed elettronica sui modelli Audi di ultima generazione per assicurare il giusto equilibrio fra comfort, sicurezza e piacere di guida. Oggi sono gestiti da una centralina elettronica che può controllare fino a venti sistemi integrati. Il futuro è già alle porte perché nei reparti R&D di Ingolstadt stanno lavorando su un processore più evoluto, che sarà in grado di gestire in maniera più complessa e rapida la dinamica dell’auto e opererà circa dieci volte più velocemente del sistema attuale. La sfida, adesso, è quella di allargare la disponibilità di tale tecnologia anche ai segmenti di fascia più accessibile: nuova A3 Sportback 35 TFSI mild-hybrid il primo esempio di cosa intende Audi per integrazione fra meccanica ed elettronica a bordo di una compatta.


TAGS: audi audi sospensioni attive audi digital tech talk audi sospensioni comfort audo telaio attivo audi guida adattiva