Pubblicato il 09/10/20

SPACE CARS Ormai si parla di frequente anche di loro, le auto volanti, vedasi Skydrive e il video del suo primo volo. Ma oggi la prendiamo un po' sul ridere, perché l'auto volante di cui trattiamo è una comune (si fa per dire) Tesla Roadster. Per la precisione quella che Elon Musk, nel 2018, decise di lanciare in orbita grazie a SpaceX e al razzo Falcon Heavy. Che fine hanno fatto l'auto e il suo guidatore, il manichino Starman

QUI PIANETA ROSSO Avesse l'uso della parola, Starman farebbe sapere a noi terrestri che lassù fa un po' freschino, ma anche che sta bene. Space X con un tweet ha comunicato proprio in questi giorni che la Tesla Roadster e il suo occupante hanno compiuto il primo avvicinamento a Marte. Avvicinamento... si tratta di oltre 7,5 milioni di km. Non proprio vicinissimo, per noi terrestri, ma nello spazio le distanze assumono altri riferimenti.

ELON IL FOLLE Il signor Musk ha donato la sua auto personale alla causa, affermando che fosse un'idea ''Un po 'sciocca e divertente'', ma aggiungendo anche che ''Le cose stupide e divertenti sono importanti. Ha gli stessi posti di un'auto normale, è letteralmente un'auto normale, nello spazio... Mi piace l'assurdità di tutto questo''. Folle o no, Elon Musk sa esattamente come far parlare di sé e delle sue automobili...

ROADSTER NELLA STORIA Dopo oltre 2 anni, 8 mesi e 2 giorni, la spaziale Tesla Roadster ha dunque ormai superato le 36.000 miglia di garanzia - sì, di oltre 36.000 volte - percorrendo oltre 57 volte le strade di tutta la Terra. Questi e tanti altri numeri divertenti sono a disposizione sul sito Where is Roadster. E mentre Elon Musk ci racconta dei suoi... esperimenti nello spazio, guarda caso c'è una nuova Tesla Roadster sulla quale riportare l'attenzione qui, sul pianeta Terra.


TAGS: tesla elon musk spacex tesla roadster SpaceX Falcon Heavy