Autore:
Marco Rocca
Pubblicato il 19/02/2015 ore 12:39

QUELLA CARROZZATA PIACE Visto che il segmento dei crossover in Europa si fa sempre più competitivo, Volkswagen ha pensato bene di fare il bis con la Passat Alltrack, presentando alla rassegna ginevrina dei primi di marzo, la seconda generazione.

RICETTA VINCENTE Gli ingredienti sono sempre gli stessi, ovvero discrete capacità off-road e aspetto massiccio e robusto, il tutto nei panni di una pratica e capiente wagon. La connotazione da giardinetta, è sottolineata da tutta una serie di dettagli più o meno funzionali come i rivestimenti in plastica grezza per i passaruota e le minigonne, i mancorrenti sul tetto e i cerchi in lega da 17 pollici che all’occorrenza possono diventare da 18 o addirittura 19 pollici (misura non propriamente adatta a terreni sconnessi, ma questa è un’altra storia).

L’(AT)TRAZIONE CONTA Più di sostanza, invece, caratteristiche come l’altezza aumentata di 27, 5 millimetri rispetto al modello standard e le lamiere sottoscocca in acciaio inox che proteggono le parti delicate della vettura. Quanto alla trazione non poteva mancare all’appello la validissima 4Motion con giunto centrale di tipo Haldex.

FINO A 240 CAVALLI E arriviamo al capitolo motori che si articola sui due benzina, 1.400 TSI da 150 cv e 2.000 da 220 cv, e un diesel, o meglio il 2.0 litri TDI declinato in tre varianti di potenza: 150, 190 e 240 cavalli biturbo. A seconda del modello, la trasmissione sarà affidata al cambio manuale a sei rapporti o al doppia frizione DSG. Dopo il debutto, ormai imminente al Salone di Ginevra, la nuova Passat Alltrack varcherà la soglia dei concessionari entro la fine di settembre.


TAGS: volkswagen passat alltrack salone di ginevra 2015 tutte le novità