L'ORA X Porsche Cayenne ha fatto da apripista, dopo di lei il segmento dei luxury Suv si è popolato di proposte via via più audaci, estreme, impensabili soltanto un decennio fa. Bentley Bentayga, Rolls Royce Cullinan, Lamborghini Urus. In attesa che anche Ferrari dia la sua interpretazione, ora tocca ad Aston Martin DBX mostrare al mondo quali traguardi il lusso a quattro ruote può raggiungere. Anteprima mondiale del primo Suv di Gaydon mercoledì 20 novembre a Pechino, e non è certo un caso che la cerimonia abbia luogo in Cina - mercato affamato di tutto ciò che è grosso, che è veloce e che costa molto - e non altrove. A proposito: DBX (ordini aperti a partire proprio dal 20 novembre) costerà (in Germania) 193.500 euro.

INTERIORS A una settimana di distanza dal reveal, Aston Martin DBX semina indizi e svela intanto come è fatta al proprio interno, almeno in parte. Pelle pregiata per sedili, cruscotto e pannelli porta, Alcantara per montanti e bordo esterno del "soffitto", per la quasi totalità occupato da un vetro panoramico. Volante misto pelle e Alcantara, quadro strumenti digitale, e a centro plancia, una elegante control unit sagomata da una cromatura e con display a sfioramento. Niente leva del cambio, sostituita da pulsanti ricavati sopra il display stesso. Per la guida semi-automatica, ci sono sempre i paddles. L'effetto è in generale quello di un abitacolo da sport luxury car: dettagli ultra raffinati, ma anche un'attenzione maniacale al guidatore.

PRIMO CONTATTO I colleghi di Auto Express hanno avuto i giorni scorsi l'occasione di montare a bordo di un prototipo di DBX, sebbene solo in veste di passeggeri. Le impressioni si concentrano sia sulla sorprendente tenuta che il Suv britannico mostra in off-road (c'è il 4x4), sia sulle sue proprietà di super Sport utility da corsa, o quasi. Per ammissione del chief engineer Matt Becker, d'altra parte, l'obiettivo del team di sviluppo è stato quello di raggiungere un feeling di guida paragonabile a quello restituito da un'Aston Martin Vantage. La potenza nelle gambe certo non le manca, col 4 litri V8 biturbo a scarica sulle quattro ruote la bellezza di 542 cv. Performance a parte, bene anche il comfort di marcia. Ancora qualche giorno, e DBX svuoterà il sacco. 


TAGS: aston martin aston martin dbx luxury suv aston martin suv