Pubblicato il 21/07/20

PRESENTATA LA ROADSTER L'idea di una roadster derivata dalla Skoda Scala ci piace talmente tanto da averle già dedicato due anteprime. Ne avevamo spiegato l'origine, come lavoro d'anno degli studenti della Skoda Academy, sotto la guida del capo del design della Casa ceca Oliver Stefani. E ne avevamo svelato il nome quando da Mlada Boleslav l'hanno comunicato, preannunciando che ai bozzetti di Skoda Slavia visti in precedenza sarebbe seguito un esemplare marciante. Ora è il momento di vederla, la one-off, e di conoscerne le caratteristiche tecniche.

COSA VIENE DALLA SCALA Ispirata alla Skoda 1100 OHC, prototipo da corsa del 1957, Slavia adotta parte della meccanica della Skoda Scala, a partire dal motore a benzina 1.5 TSI che eroga 150 CV ed è accoppiato al cambio a doppia frizione  DCT a sette rapporti. Altre componenti ereditate del modello di produzione sono gli assali anteriore e posteriore, lo sterzo, l'elettronica completa, i cablaggi, nonché i sistemi di assistenza. Anche il cruscotto, con la strumentazione digitale Virtual Cockpit e il sistema di infotainment, è rimasto invariato.

IN PRESTITO DA ALTRI MODELLI I cerchi in lega da 20 pollici provengono da una Skoda Kodiaq vRS, mentre l'impianto frenante e i mozzi delle ruote sono quelli dell'Octavia vRS. Le luci sottoporta, per creare un sistema di illuminazione ambient esterno, derivano infine dalla Scala Monte Carlo e i LED programmabili nei sottoporta consentono giochi di luce configurabili dall'utente in blu, rosso e bianco: i tre colori della bandiera ceca. Un tocco da vera show car.

Skoda Slavia, vista dall'alto: si notino le luci sottoporta, i poggiatesta carenati e lo spoiler posteriore

ATTREZZATA PER STUPIRE A bordo troviamo cinture di sicurezza a quattro punti e speciali sedili da corsa Sparco, con numerosi elementi rifiniti in pelle nera, come il bracciolo centrale, la cuffia della leva del cambio e la cuffia della leva del freno a mano. Il volante ha due razze come sulla nuova Skoda Octavia 2020, mentre il sistema audio è un fiore all'occhiello: con un subwoofer da 2.250 watt e gli altoparlanti rimanenti che aggiungono altri 320 watt all'impianto.

SAREBBE UNA PERFETTA HALO CAR Nel bagagliaio di Slavia trovano posto due monopattini elettrici pieghevoli, come su Skoda Scala e Kamiq, per muoversi più agilmente una volta parcheggiata l'auto. Per quanto al momento non si abbiano notizie circa una sua entrata in produzione, Skoda Slavia appare decisamente ben realizzata e stuzzicante, con il suo aspetto da Audi TT in salsa ceca. Che possa diventare il modello d'immagine per la Casa di Mlada Boleslav? Noi ci speriamo davvero!


TAGS: skoda scala skoda spider Skoda Slavia Skoda cabrio skoda roadster