Pubblicato il 04/12/20

C’È ELETTRICITÀ NELL’ARIA Il suo annuncio era stato preceduto da una lunga campagna di teasing, con i fulmini che accendevano il tridente modenese a segnare l’inizio di una nuova era, anche per Maserati. Quello di Ghibli sarà solo il primo di una serie di modelli a beneficiare del passaggio all’ibrido, e nasce da una forte collaborazione tra la casa italiana e Bosch, multinazionale tedesca da anni impegnata - tra le altre cose - nel processo di elettrificazione dell’auto.

Maserati Ghibli Hybrid sviluppata con Bosch

IL MOTORE Disponibile negli allestimenti GranSport e GranLusso, la Ghibli Hybrid si caratterizza per una nuova vernice, prese d’aria inedite sui parafanghi e il logo della saetta di colore blu. All’interno l’auto monterà un nuovo infotainment con servizi connessi (che fa parte del pacchetto di novità per il model year 2021 di tutta la gamma Ghibli) e nuovi sistemi di assistenza alla guida, sviluppati sempre con Bosch. Quello che c’è sotto il cofano della prima mild hybrid modenese l’avevamo invece già visto a luglio: un quattro cilindri turbo benzina da 2 litri accoppiato a un alternatore a 48V, che permette all’auto di raggiungere i 330 CV di potenza ed erogare 450 Nm di coppia massima, disponibile già a 1.200 giri. La potenza specifica è di 165 CV per litro.

Maserati Ghibli Hybrid: i componenti del sistema ibrido

COME FUNZIONA IL SISTEMA IBRIDO Il powertrain ibrido sviluppato da Maserati Innovation Lab prevede una serie di componenti forniti direttamente da Bosch. Nello specifico:

  • Una piccola e compatta batteria a 48V agli ioni di litio, il fulcro di tutto il sistema, che recupera energia in frenata con il Boost Recuperation System (BRS) di Bosch e la restituisce in fase di accelerazione
  • Un converter 48V DC/DC che converte l’energia da 48 V a 12 V, consentendo di alimentare il resto dei dispositivi elettrici di bordo
  • Una nuova centralina elettronica ECU che si occupa di gestire l’elettronica del motore termico, in particolare per aumentarne le prestazioni ai bassi regimi e per ridurne le emissioni inquinanti

L’efficacia della soluzione di Bosch per Maserati sta nei numeri: la Ghibli Hybrid, che complessivamente pesa circa 80 kg meno di quella a gasolio, scatta da 0 a 100 km/h in 5,7 secondi, e raggiunge i 255 km/h di velocità massima. Al tempo stesso, consuma il 20% meno dell’equivalente a benzina con il V6. 

Maserati Ghibli Hybrid: nuovi ADAS

NUOVI ADAS Per la nuova Ghibli Hybrid (e la gamma MY2021) Bosch ha realizzato un nuovo sistema di assistenza alla guida, chiamato Active Driving Assist, che si affianca a quelli già esistenti, ossia il cruise control adattivo, la frenata automatica d’emergenza, il mantenimento di corsia e il monitoraggio attivo dell’angolo cieco. Grazie alla tecnologia sviluppata da Bosch, questi sistemi lavorano in maniera combinata per offrire la guida autonoma di secondo livello non solo in autostrada, ma su qualunque tipologia di strada, da 0 a 145 km/h, senza necessità di appoggiarsi al segnale GPS

Maserati Ghibli Hybrid: i componenti del nuovo sistema ADAS

COME FUNZIONA L’auto può seguire i veicoli che la precedono adeguando automaticamente la velocità e mantenendo sempre la distanza di sicurezza, e può muoversi in autonomia in rettilineo e in curva. Il radar a lungo raggio integrato nel logo del tridente sulla calandra, infatti, lavora insieme alle telecamere frontali per analizzare in ogni istante le condizioni del traffico e della strada, il raggio delle curve che si avvicinano; con questi dati, il sistema interviene sullo sterzo elettrico, sul sistema elettronico di controllo della stabilità, sull’impianto frenante e sulla centralina del motore per adeguare velocità, accelerazione, frenata e raggio di sterzata, e poter affrontare così le curve in sicurezza e comfort. 

Maserati Ghibli Hybrid: il sistema ibrido in auto

SICUREZZA SEMPRE Ricordiamo comunque che i sistemi di guida autonoma di livello 2 richiedono che il conducente tenga sempre le mani sul volante, e la tecnologia di Bosch non fa eccezione. Invece che rilevare i micro-feedback inviati al volante dal movimento delle braccia, il sistema di Bosch prevede una serie di sensori a induzione annegati nel volante che rilevano il contatto delle mani. In caso questo venga a mancare, partono le segnalazioni di allerta via via più insistenti, fino al disingaggio completo del sistema.

ANCHE IN PISTA Per tutti i modelli Maserati (compresa la Ghibli Hybrid, ovviamente), Bosch ha inoltre sviluppato l’Integrated Vehicle Dynamics Control (IVC), una nuova integrata nell’ESP che rende l’auto più maneggevole (e divertente da guidare) mantenendo attivo il controllo di stabilità. Il sistema, sviluppato con la collaborazione degli ingegneri e dei collaudatori Maserati, funziona anche in condizioni di bassa aderenza.

Maserati Ghibli Hybrid: il sistema ADAS in auto

PERCHÉ PROPRIO GHIBLI? La domanda non è peregrina, e merita una risposta onesta: da un lato, dice Maserati, con le sue oltre 110mila unità vendute dal giorno del suo debutto, non c’era un modello migliore per iniziare quest’avventura. Sul perché sia stato scelto il motore a 4 cilindri in linea e non, come molti speravano, il più potente e corposo V6, la risposta è altrettanto onesta: la prima vettura ibrida di Maserati deve poter essere venduta - con successo - sui mercato di tutto il mondo, compreso quello cinese, che è uno dei più redditizi per la casa modenese, e dove un motore a quattro cilindri è fiscalmente molto più conveniente di uno con cilindrata e potenza superiore.


TAGS: bosch mild hybrid guida autonoma adas maserati ghibli hybrid active driving assist