Pubblicato il 05/05/21

SCAMBIO DI PERSONA Habemus SUV, ma non è lui che aspettavamo. Non è lui che nascerà a Tychy su piattaforma CMP, e che dal 2023 popolerà l'Europa. Anche ora che Fiat fa parte del Gruppo Stellantis, il primo mercato del Lingotto resta il Sudamerica e di tanto in tanto, un episodio torna a ricordarcelo. Progetto 363 il nome provvisorio del crossover che in Brasile verrà costruito (stabilimento di Betim) e che solo in Brasile e- in altri Paesi dell'America Latina - verrà anche venduto. Dopo una articolata campagna di social media marketing, legata anche all'edizione locale del Grande Fratello, Fiat svela dunque le prime immagini ufficiali di un SUV che di qua dall'Oceano, salvo congiunzioni astrali, non vedremo mai.

A FUROR DI POPOLO L'interattività che Fiat ha cercato negli ultimi mesi con il pubblico si estende ora anche alla scelta del nome, iniziativa senza precedenti nel mercato automobilistico brasiliano. Il marchio ha registrato tre opzioni, Fiat Tuo, Fiat Domo e Fiat Pulse: il nome definitivo sarà quello che registrerà il maggior numero di preferenze dalla votazione sulla piattaforma digitale dedicata. Quando si dice democrazia.

ANTICIPA IL ''NOSTRO'' B-SUV? Il Progetto 363 non solo apre a Fiat Brasil il segmento dei B-SUV, ma inaugura anche una piattaforma tutta nuova. Inedito il design, che combina immagine robusta, linee moderne e particolari ricercati come i fari full LED anteriori e le luci posteriori a LED. Nuovo anche il motore, un turbo benzina sempre sviluppato a Betim, avanzato infine - per gli standard brasiliani - l'equipaggiamento tecnologico di bordo: Fiat Connect Me (già adottato da Fiat Toro) il più evoluto ecosistema di servizi connessi sul mercato. Guardiamolo bene, e poi dimentichiamocene: il mini-SUV che Fiat ha in mente per il nostro Continente sarà tutta un'altra cosa. Almeno, sottopelle. Lo stile, mah... Chissà che il suo parente brasiliano non possa servire come traccia.


TAGS: fiat fiat brasile fiat suv compatto