Pubblicato il 02/03/21

NOMEN OMEN Prende il nome da Bayonne, la capitale dei Paesi Baschi sponda Francia, graziosa cittadina di villeggiatura nota per gli sport all'aria aperta. Urbano e scanzonato è anche il concetto su cui poggia Hyundai Bayon, compact crossover che si aggiunge alla già folta flotta SUV del Costruttore coreano e le cui dimensioni da B-SUV eguagliano quelle di Kona, ma il cui design si differenzia in modo netto, interpretando quell'idea di Sensous Sportiness che individuerà tutte le Hyundai del futuro. In gallery, il video ufficiale.

ESTERNI Con una lunghezza di 4.180 mm, una larghezza di 1.775 mm e un'altezza di 1.490 mm, in senso longitudinale e trasversale Hyundai Bayon si sovrappone pari pari a Kona, risultando semmai leggermente più bassa. All'anteriore, l'ampia griglia appoggiata sulla piastra paramotore e la forma di gruppi ottici a LED e prese d'aria le attribuiscono un'identità davvero originale. Fiancata a cuneo, luci posteriori a forma di freccia collegate da sottile fascia luminosa orizzontale. Nove colori per gli esterni, inclusi la tinta di lancio Mangrove Green e l'opzionale tetto bicolore in Phantom Black.

INTERNI Come impone il copione, un abitacolo discretamente spazioso in relazione alle proporzioni accoglie una vasta gamma di elementi digitali e per la connettività, tra cui un quadro strumenti da 10,25 pollici, un display centrale di navigazione di identica diagonale con software Bluelink di ultima generazione (o un display audio da 8 pollici compatibile con Apple CarPlay wireless ed Android Auto sugli allestimenti base), tre porte USB. Squisita l'lluminazione ambientale a LED integrata nelle zone dei piedi del passeggero anteriore, nei pozzetti delle portiere e nelle aree delle maniglie porte anteriori, nonché nell'area di stivaggio sotto la console centrale. Di serie, rivestimenti in tessuto Full Black.

MOTORI Al lancio, solo motori a benzina. Bayon equipaggiata dal 3 cilindri 1.0 T-GDi turbo benzina da 100 CV o 120 CV (nel secondo caso con sistema mild hybrid 48 Volt), abbinato al cambio manuale intelligente a 6 marce (6iMT) o a trasmissione a doppia frizione a 7 marce (7DCT). Disponibile anche il 4 cilindri aspirato 1.2 MPi da 84 CV abbinato a cambio manuale a 5 marce.

SICUREZZA Numerose infine le funzioni di guida semi-autonoma: mantenimento di corsia Lane Following Assist (LFA), frenata di emergenza Forward Collision-Avoidance Assist (FCA), Smart Cruise Control (NSCC) basato sulla navigazione, Driver Attention Warning (DAW) per rilevare guida sonnolenta o distratta, in tandem con Leading Vehicle Departure Alert (LVDA), che avvisa il conducente quando il veicolo che lo precede inizia ad avanzare e non reagisce abbastanza rapidamente. Il Rear Occupant Alert (ROA) avvisa il conducente prima di lasciare il veicolo se i sensori rilevano il movimento sul sedile posteriore, funzione provvidenziale per non abbandonare a bordo bambini o animali domestici. Completano il set l'assistenza alla retromarcia, (Rear Cross-Traffic Collision-Avoidance Assist) e Parking Assist.

LANCIO Listino ufficiale, allestimenti e data di uscita sul mercato (estate 2021?) saranno comunicati nelle prossime settimane: la soglia di ingresso non dovrebbe in ogni caso oltrepassare quota 19.000 euro.


TAGS: hyundai suv compatti hyundai bayon