Pubblicato il 01/02/21

HYPER-SPYDER Fine gennaio 2021, Tesla svela importanti novità per i suoi due modelli alto di gamma, Model S e Model X. Al momento i cambiamenti più interessanti riguardano proprio la berlina, che a breve potrà contare su un powertrain più potente e interni completamente riprogettati. Da una notizia buona, ad una meno buona: ve la ricordate la seconda generazione di Tesla Roadster? Ebbene, la messa in produzione della hyper-spider da 1.000 chilometri di autonomia, come noto, subirà alcuni ritardi. La conferma arriva proprio dal deus ex-machina di Tesla Elon Musk, che interrogato in merito da un utente Twitter, ha risposto: ''Finiremo con l’ingegnerizzazione quest’anno, la produzione partirà dall'anno prossimo. Contiamo di avere a disposizione un prototipo per i test guidati entro la fine dell’estate. Il sistema propulsivo Tri-Motor e la batteria avanzata sono stati aspetti di sviluppo fondamentali''. Nonostante Tesla abbia già raccolto svariate prenotazioni, il lancio della supersportiva è dunque posticipato al 2022.

FULMINE ELETTRICO Presentata in veste di concept nel 2017, con l’auspicio di lanciarla sul mercato entro il 2020, con il passare del tempo le diverse vicissitudini del marchio hanno preso il sopravvento, costringendo la Casa a spostarne il debutto sempre più in là nel tempo. A dirla tutta, Roadster II non è mai stata una priorità per il Costruttore californiano, che infatti ha sempre messo ai primi posti della sua agenda il rafforzamento dei volumi di vendita di Model 3 e Model X e lo sviluppo delle Gigafactory. Detto ciò, resta il fatto che la nuova Roadster sarà tutto fuorché banale. Le indiscrezioni parlano di uno 0-100 km/h coperto in appena 1,9 secondi e una velocità massima di circa 405 km/h. Insomma l’identikit ideale per rivaleggiare ad armi pari con Bugatti Chiron, Koenigsegg Jesko e SSC Tuatara. Il prezzo? Sul sito Tesla si parte da 200.000 dollari, a cui ne vanno però aggiunti 50.000 euro di prenotazione


TAGS: tesla elon musk tesla roadster