Autore:
Marco Congiu

EVOLUZIONE DELLA SPECIE La GLE è tra le auto simbolo di Mercedes. Nata come Classe M nel 1997, in 21 anni è passata attraverso varie nomenclature, da ML a GLE. E con la nuova Mercedes GLE 2019, in anteprima mondiale al Salone di Parigi, la casa di Stoccarda prova ad alzare ancora l'asticella. Vediamo come cambia.

DNA DI FAMIGLIA La nuova GLE 2019 porta con sé tutti i canoni stilistici del nuovo corso intrapreso dai designer Mercedes. Gorden Wagener, a capo del centro stile, è riuscito bene a nascondere i quasi 5 metri di lunghezza per due di larghezza, facendo toccare al SUV un CX di 0.29, inferiore allo 0.32 della precedente generazione. Le linee sono sinuose e sagomate dal vento, con un frontale muscoloso ma morbido, dove spiccano i fari Multibeam a Led che promettono un'illuminazione fino a 650 metri In taglio laterale prosegue una generale pulizia, con cerchi che partono dai 18 sino a toccare i 22”, mentre il montante C omaggia la prima generazione di ML, con ampie vetrature all'interno delle quali è incastonato un inserto di carrozzeria. Il posteriore è dominato da un ampio vano bagagli e dalla fanaleria figlia della nuova CLS, con gruppi ottici affilati. Il bagagliaio è importante: si parte da 825 litri fino a toccare i 2.055 litri abbattendo lo schienale.

SPAZIO E QUALITÀ Anche gli interni della GLE 2019 sono ovviamente tutti nuovi. Per prima cosa, spicca il ritorno della configurazione a 7 posti. Si apprezza una plancia pulita, dominata dalla coppia di display da 12,3” che porta con sé il sistema Mbux che abbiamo imparato a conoscere sulla nuova Classe A. Presenti come optional anche i sistemi di lettura automatica e dettatura delle e-mail, oltre al controllo gestuale. Presenti anche la navigazione con realtà aumentata e head-up display.

ANCHE IBRIDA Per quanto riguarda le motorizzazioni, la nuova Mercedes GLE 2019 accontenta davvero tutti i palati. Presente dal lancio la motorizzazione mild hybrid sulla GLE 450 4Matic, che equipaggia il 3.0 turbobenzina da 367 CV e 500 Nm di coppia a cui si sommano i 22 CV del sistema elettrico a 48V, mentre in un secondo momento arriveranno anche i nuovi 6 cilindri in linea a gasolio da 3.0 litri di cilindrata. Di serie il cambio automatico 9G-Tronic, così come la trazione integrale 4Matic dotata di sistema di controllo elettronico con frizioni a dischi multipli.

ASSETTO INTELLIGENTE L'assetto della nuova GLE 2019 è regolato dall'E-Active Body Control: grazie alla corrente a 48 volt, si recupera energia elettrica grazie alle sconnessioni della strada. Con le sospensioni pneumatiche Airmatic, l'assetto è capace di regolare la rigidità di ogni singola molla, evitando così rollio e beccheggio. Il sistema si completa con la telecamera Road Surface Scan, per leggere in anticipo ciò che si parerà sul nostro cammino e preparando così l'assetto del SUV per rendere il viaggio il più confortevole possibile.

SI GUIDA QUASI DA SOLA La nuova Mercedes GLE equipaggia una versione evoluta del Distronic: il raffinato cruise control adattivo è capace di adeguare la velocità di marcia in base al percorso, leggendo preventivamente i rischi di coda e rallentando di conseguenza grazie al servizio opzionale Live Traffic. In caso di coda, la GLE 2019 si guida da sola sino ai 60 km/h e, una volta terminata, reimposta la velocità indicata in precedenza dal guidatore. A completare il quadro abbiamo il blind spot assist, frenata automatica d'emergenza ed il trailer assit per aiutare chi volesse attaccare un rimorchio al SUV. 

Picture-Credit: Stefan Baldauf / Guido ten Brink


TAGS: mercedes mercedes gle salone di parigi 2018 parigi 2018 mercedes gle 2019 gle mercedes parigi 2018