NUOVA AUDI CONCEPT Non ci dicono quali, ma è certo che la nuova Audi AI:ME concept, che ha debuttato al salone dell'auto di Shanghai, presenta parecchi spunti stilistici che vedremo sui futuri modelli di Ingolstadt. Le sue linee dovrebbero inoltre anticipare quelle di una crossover elettrica della taglia dell'Audi A3. Di che si tratta?

ORIZZONTE 2030 Il prototipo Audi AI:ME prefigura la mobilità elettrica e condivisa che la casa immagina da qui a 10 anni. L'ipotesi è che a farla funzionare sia una tecnologia di guida autonoma di livello 4, quindi quasi completamente automatica, ma che ancora richiederà la supervisione dell'essere umano per risolvere alcune situazioni particolarmente critiche.

TAXI A GUIDA AUTONOMA Pertanto l'abitacolo prevede un volante retrattile e arredi studiati per creare uno spazio living, con due tavolini, una fioriera, un tetto panoramico e un sistema per la filtrazione dell'aria. In vista di un utilizzo condiviso – in flotte di taxi robot – i grandi vani portaoggetti nella plancia e nelle portiere sono privi di chiusura, per rendere più facile notare se si è dimenticato qualcosa a bordo.

LA COMANDI CON LO SGUARDO Infotainment e controlli vari sono utilizzabili tramite un grande display in realtà aumentata, che prevede comandi gestuali e con il movimento degli occhi, grazie a un sistema di telecamere di tracciamento dello sguardo. Non mancano pannelli touch nelle portiere. La volumetria dell'abitacolo concede molto spazio all'altezza delle teste degli occupanti e solo la metà inferiore dei finestrini si apre, per prevenire spifferi al volto.

LA SCHEDA TECNICA Quanto alla meccanica, sotto al pianale trova posto una batteria da 65 kWh e un motore elettrico da 170 CV è collegato all'assale posteriore. Se l'azienda per ora non parla di piattaforma, non possiamo fare a meno di notare che le misure della Audi AI:ME sono compatibili con quelle dell'architettura MEB su cui sono allestiti alcuni modelli del gruppo Volkswagen, a partire dalla ID Hatch e dalla Seat el-Born (4,30 x 1,90 x 1,50 m).

TI PARLA CON I FARI La destinazione della Audi AI:ME è principalmente urbana ed ecco che i fari a LED possono visualizzare sequenze di luci e colori in modo da trasmettere segnali visuali ai pedoni e agli altri veicoli. Un altro tema, quello della comunicazione tra i vari utenti della strada, su cui prossimamente ne vedremo delle belle.

 


TAGS: audi auto elettriche car sharing guida autonoma salone di shanghai 2019