Autore:
Francesca Mondani

SOLO PER 311 FORTUNATI La Lotus 3-Eleven varcherà le soglie delle officine di Hethel a marzo 2016, per entrare nei garage dei 311 fortunati che saranno disposti a pagare le 82.500 sterline di base richieste per la versione da strada o le 97.083 della versione da pista. Sul mercato europeo e asiatico la nuova creatura della Casa sarà venduta in configurazione Road, la Lotus più potente e più veloce di sempre.

ESTREMA, CONCENTRATA, FENOMENALE Il CEO di Lotus Jean-Marc Gales non usa mezzi termini per definire quella che ha già la strada spianata per diventare l’eccellenza fra le hypercar. La perfetta calibrazione della fibra di carbonio, ormai uno standard per le vetture del marchio, porta il peso a secco della 3-Eleven Race version sotto i 900 kg, mentre per la Road l’ago della bilancia segna i 925 kg. Quanto a “fiato”, grazie alla spinta dei suoi 460 cv la prima versione scatta da 0 a 100 in 2.9 secondi, raggiungendo una velocità massima di 290 km/h; la Road ha invece 50 cavalli in meno e un’accelerazione più soft, se così si può parlare dei 3.3 secondi di cui ha bisogno per raggiungere, da ferma, le 60 miglia orarie.

LEGGEREZZA AERODINAMICA E STILE Tra gli accorgimenti più sottili impiegati per migliorare le performance dinamiche della 3-Eleven figurano la batteria iperleggera agli ioni di litio e la scatola del cambio manuale (Road version) con meccanica a vista, che sottraggono alla hypercar diversi chili preziosi. Riconoscibili invece a immediato colpo d’occhio sono le soluzioni impiegate sulla carrozzeria per migliorare l’efficienza aerodinamica: parliamo dell’alettone posteriore, degli splitter e del pavimento perfettamente piatto. Da un punto di vista puramente estetico l’elemento distintivo della 3-Eleven sono le vernici metallizzate, cui è possibile aggiungere finiture in nero opaco (Black Pack).

A PROVA DI URTI Lo chassis in alluminio è disegnato per offrire la massima protezione in caso di urti anche laterali; sulla versione Race sono poi disponibili come optional alcune dotazioni obbligatorie per l’omologazione per gare sportive, come le barre laterali aggiuntive, l’estintore e il gancio di traino. All’interno, la strumentazione digitale offre due diverse modalità, una dedicata alla strada e una alla pista: l’utente può passare dall’una all’altra ogni volta che lo desidera e sbizzarrirsi con le personalizzazioni.


TAGS: lotus auto sportive road race 3-eleven hypercar