TEST IN CORSO Se da un lato FCA latita a proporre una Jeep Renegade elettrica, c'è chi invece ha già iniziato i test. Parliamo di GKN, colosso della componentistica già fornitore di tecnologie plug-in hybrid a BMW, Porsche, Volvo e Mitsubishi. Attiva dal 2002, GKN ha iniziato i collaudi della sua GTD 19, un prototipo di Jeep Renegade EV a trazione anteriore allestito rimuovendo il motore tradizionale e installando al suo posto un innovativo powertrain a emissioni zero.

ELETTRICA COL CAMBIO Che cos'ha di particolare la Jeep Renegade elettrica by GKN? La trasmissione. Infatti, al contrario della quasi totalità degli EV in circolazione, la GTD 19 ha un cambio automatico eTransmission a due velocità per ottimizzare prestazioni e autonomia. Proprio come i motori a combustione, infatti, anche quelli elettrici hanno regimi a cui rendono meglio e altri a cui sprecano più energia: aggiungere un cambio permette di farli funzionare più al lungo nelle condizioni ottimali.

UNA COPPIA MOSTRUOSA La seconda peculiarità della Renegade GTD19 è il sistema torque vectoring eTwinster: particolarmente utile sulle trazioni anteriori perché sono più inclini a perdere aderenza se si accelera in percorrenza di curva. Un difetto che eTwinster si propone di correggere compensando, nel contempo, il sottosterzo ad alta velocità. Missione non semplicissima, visto che il motore elettrico da 120 kW della Jeep elettrificata sviluppa una coppia di picco di ben 3.500 Nm: per capirci, una Ferrari LaFerrari non va oltre 700 Nm e il Big Bud 747, uno dei trattori agricoli più grandi mai costruiti, raggiungeva al massimo 3.100 Nm.

I TEST SUL GIACCIO Il sistema di torque vectoring adottato da GKN per la Jeep riesce a dirottare fino a 2.000 Nm alla ruota anteriore che richiede più coppia. Per verificare l'efficacia del sistema nelle condizioni più gravose, recenti test sono stati condotti ad Arjeplog, in Svezia, sulle piste di ghiaccio: proprio dove il sottosterzo di potenza delle auto a trazione anteriore è messo più a dura prova.

PER LE AUTO ELETTRICHE DI DOMANI “Questo nuovo dimostratore tecnologico fa vedere come stiamo evolvendo e migliorando le tecnologie integrate eDrive per aiutare i costruttori di automobili ad aumentare efficienza, sicurezza e dinamica”, dice Hannes Prenn, Direttore Operativo di GKN ePowertrain. “Lo scorso anno abbiamo rilevato una crescita del 40% degli ordini per il nostro eDrive, che sono passati dai 2 miliardi di sterline alla fine del 2017 ai 3 miliardi attuali. Il nostro sforzo nella produzione e sviluppo di soluzioni elettrificate ci permetterà, nei prossimi anni, di supportare la rapida accelerazione della domanda di auto elettriche a trazione integrale”. Come a dire che in questa Jeep Renegade elettrica c'è il cuore degli EV del futuro.


TAGS: test prototipo jeep renegade ev jeep renegade elettrica